Quantcast

Tattoo Convention a Genova: il mondo sulla pelle

Genova. Da ieri, nella Piazza delle Feste nel porta Antico di Genova è in corso la VI Tatoo Convention.

Moltissimi gli stand di tatuatori professionisti che mettono in mostra le loro opere e le loro abilità. Come ci dice Ricky, l’organizzatore di questa convention, essere tatuatori significa anche essere artisti. Girando per gli stand si comprende che i tatuatori sono due volte artisti, sia per i suggestivi tatuaggi che sanno creare, sia per la performance che offrono componendoli.

“Il format della Tattoo Convention è sempre lo stesso, ma quest’anno abbiamo degli ospiti di eccezione tra cui Gian Maurizio Fercioni”, a cui si aggiungono Pietro Sedda e Davide Andreoli.

“Le tecniche ogni anno che passa si vanno ad affinare sempre più, adesso è molto in voga lo stile realista, quello di fare sulla pelle dei ritratti per esempio, ma in realtà ce ne sono molti, comunque sempre più difficoltà”.

Infine Ricky ha appagato anche una curiosità molto diffusa, quella relativa ai tatuaggi da fare solo in numero dispari: “La leggenda riferita ai tatuaggi dispari nasce dai naviganti, che partivano con un tatuaggio, ne facevano un altro dove arrivavano e farlo una volta tornati era il segno che tutto è andato bene”.