Sampdoria, Atzori il perfezionista: “Non dobbiamo ripetere quegli 8 minuti” - Genova 24
Sport

Sampdoria, Atzori il perfezionista: “Non dobbiamo ripetere quegli 8 minuti”

gianluca atzori

Genova. Ottantadue minuti giocati bene, e otto di black out. Gianluca Atzori, il perfezionista, per andare avanti non può fare a meno di tornare indietro: quegli otto minuti a Empoli, quando per un attimo il gol di Tavano ha messo in pericolo il risultato dei blucerchiati, devono diventare zero. E non è un caso se mister Atzori un giorno dopo la partita ha preso i suoi ragazzi e li ha messi davanti al video: l’analisi va concentrata lì, in quegli otto minuti di smarrimento.

“Non mi cullo del risultato, anche se è la medicina giusta per avere per più tempo per lavorare e per migliorare quei 8 minuti che in futuro devono diventare 0”. E’ stata la prima dichiarazione del tecnico blucerchiato in conferenza stampa alla vigilia della partita casalinga contro il Grossetto. L’obiettivo, nonostante i buoni risultati di Gubbio ed Empoli è, infatti, uno: “eliminare le scorie della passata stagione che ancora esistono”.

“Non ci vorrà un giorno o una settimana – ha detto il mister – perfetti non lo saremo mai, ma l’analisi va concentrata in quegli 8 minuti”.

Dopo quattro partite Atzori, prudente oltre che perfezionista, non vuole sentire parlare di bilanci: “Troppo presto per dare giudizi, la classifica di oggi non è quella che sarà per tutta la stagione. Diciamo che verso la ventesima giornata, il quadro sarà più delineato e si potranno vedere le squadre che potranno ambire ai play off”. Davanti, però, ci sono tre match importanti: Grosseto, Albinoleffe e Torino. “Le prossime tre partite aiuteranano a togliere le scorie – ha chiosato – ma non saranno decisive, il campionato è lughissimo, i giochi si faranno più in là”.

Alla domanda se Rispoli, dato il buon risultato del modulo, possa avere un ruolo più importante, Atzori non si è sbilanciato: “Andrea è un ottimo giocatore come altri, durante la settimana si impegna e date le sue carattistiche potrebbe trovare spazio – ha concluso il mister – merita come merita chi sta giocando”.