Quantcast

Rosso e Melgrati (Pdl): “Si taglia la sanità ma si fanno inaccettabili accordi con il Perù per formare infermieri”

Genova. La questione sanità non ha mai smesso di essere al centro dell’attenzione della politica, L’Italia può vantare di offrire come servizio pubblico la sanità, ma i suoi costi sono molto elevati, Sulla ristrutturazione della sanità ligure, sui tagli, sugli accorpamenti degli ospedali molto si sta parlando, ovviamente.Nascono anche le discussioni rispetto agli sprechi o a quelli che tali vengono reputati.

L’ultimo in ordine di tempo è quello su cui hanno puntato il dito indice i consiglieri regionali del Pdl Matteo Rosso e Marco Melgrati che hanno presentato un’interrogazione urgente su quello che hanno definito “ un paradosso inaccettabile”.

“La Giunta regionale – sostengono in un comunicato – taglia i servizi sanitari in Liguria ma nello stesso tempo stringe accordi di collaborazione con l’Università di Lima in Perù. La bizzarria è che invece di sostenere il perfezionamento degli infermieri italiani, la Regione, con questo accordo, promuove quello dei futuri infermieri peruviani interessati a svolgere la loro professione nelle strutture sanitarie accredita tate dalla Regione”.

Lo rendono noto il Capogruppo del Pdl Matteo Rosso ed Consigliere regionale Marco Melgrati che fanno sapere di aver presentato un interrogazione urgente per avere maggiori elementi in merito alla stipula di questo Accordo.

I due esponenti del Pdl spiegano che durante la seduta di Giunta del 23 settembre è stata approvata infatti una delibera che prevedeva l’approvazione dello schema di accordo tra Regione Liguria e l’Università Sede Sapientie di Lima Perù per rafforzare i rapporti di collaborazione reciproca nell’ambito sanitario e più precisamente in campo infermieristico “Vogliamo capire – spiegano Rosso e Melgrati – se quest’accordo, per il futuro, potrebbe prevedere anche lo stanziamento di risorse economiche da parte della Liguria. Inoltre vogliamo sapere cosa si intenda precisamente per “sostegno perfezionamento professionale dei futuri infermieri professionali peruviani interessati a svolgere la loro professione nelle strutture accreditate dalla Regione”. Ci pare la solita delibera tranello e sicuramente poco chiara”.

“In un periodo – proseguono i due consiglieri regionali – in cui le risorse economiche, specialmente per la Sanità, scarseggiano è paradossale trovare provvedimenti di questo genere. Mentre in Liguria si procede al taglio di reparti, strutture, case di riposo per anziani, al blocco delle assunzioni, all’inserimento di tasse e alla cancellazione di servizi essenziali, la Giunta pensa a promuovere accordi con il Perù ed a sostenere e specializzare gli infermieri peruviani?!”.

Gli esponenti del Pdl infatti precisano che nelle pieghe della delibera c’è specificato che tali progetti di collaborazione non comportano oneri a carico del Servizio Sanitario regionale “ ma – continuano i due rappresentanti del centro destra – non vorremmo che come al solito ci fosse la “gabola” e che questo Protocollo d’Intesa venga poi finanziato con risorse provenienti da altri capitoli di bilancio, tipo la Formazione”.

Secondo Rosso e Melgrati “gatta ci cova” “ è assurdo – concludono i due consiglieri regionali del Pdl – che mentre i giovani liguri non trovano lavoro si pensi a sostenere gli infermieri peruviani che vogliono lavorare nelle strutture liguri. E’ questo quello che noi chiamiamo “scelleratezza” e menefreghismo. Non ci siamo proprio per niente, vogliamo saperne di più”.