Quantcast

Regione in campo per difendere latte ligure nella focaccia di Recco

Regione. Pieno sostegno della Regione Liguria al progetto Igp- Indicazione Geografica Protetta per la focaccia di Recco con il formaggio.

Lo ha ribadito l’assessore Agricoltura Giovanni Barbagallo, sostenendo la validità del “disciplinare” approvato che prevede l’uso del latte ligure, dopo le “osservazioni” presentate da alcuni operatori recchesi che hanno fatto momentaneamente sospendere l’applicazione delle procedure previste. A cominciare dalla scelta di applicare il cosiddetto “regime transitorio” che avrebbe permesso alla focaccia di Recco di fregiarsi, sul territorio nazionale , del marchio Igp, in attesa dell’approvazione a Bruxelles.

“Solo col latte ligure avremo un formaggio e un prodotto che permetterà alla focaccia di Recco di tornare alle sue origini, e di poter essere un prodotto che solo da noi può avere queste caratteristiche “, afferma l’assessore, che ha confermato la piena condivisione del progetto da parte della Regione Liguria al Ministero delle Politiche Agricole.

Il Consorzio per Focaccia, che rappresenta il territorio interessato all’Igp, risponderà alle osservazioni arrivate “sul filo del rasoio”, dopo la pubblica audizione di luglio, al Ministero delle Politiche Agricole, su alcuni punti del “disciplinare” per l’ottenimento della Igp.

“Senza però modificare un documento di grande valore, parte integrante della politica agricola regionale”, sottolinea Barbagallo che auspica una ricomposizione tra tutti i soggetti interessati alla questione affinchè il riconoscimento Igp sia un grande successo per tutta la Liguria.

“Una tracciabilità chiara ed inequivocabile- conclude l’assessore ligure- è un forte sostegno per l’ottenimento della certificazione europea e garantisce alle aziende della zona di produzione la possibilità di difenderla, con controlli sul territorio dagli ormai troppi tentativi di imitazione, ritornando a disporre di un formaggio fresco appositamente prodotto per loro, con il nostro latte“.