Quantcast
Cronaca

Presentato il progetto di Ati Porto Cavour: “Pensato da Santa per i sammargheritesi”

Santa Margherita. Questa mattina  è stato presentato il progetto preliminare di rinnovo del porto pensato da Ati Porto Cavour. Aumento della planimetria dello yachting club, centri benessere, nuove banchine, spazi pensati per le associazioni. Un progetto completo e suggestivo che comprende aspetti di pregio e commerciali, di intrattenimento ed educativi. I progettisti sembrano aver pensato ad ogni angolo del futuro porto e la cittadinanza ha risposto in maniera positiva affollando la piccola sala.

Si tratta di un progetto conservativo, ma che ha anche lati innovativi. “Abbiamo pensato a una ristrutturazione del porto esistente senza stravolgere e modificare la volumetria – spiega Paolo Noce, ingegnere idraulico – Soprattutto è previsto un miglioramento della situazione dello specchio interno e della situazione geometrica dei confini. Tutto a seguito di un grosso lavoro di indagine per vedere sia di persona, che parlando con l’amministrazione e le realtà locali, quali erano i punti che necessitavano di maggiori interventi. Un progetto non particolarmente impattante, ma che traguarda l’obiettivo di qualità”.

“Un porto pensato da Santa per i sammargheritesi”, come più volte è stato definito dai progettisti. Michele Lino vernazza, socio Ati Porto Cavour. “Un progetto pensato dai cittadini, prima che dagli imprenditori, che amano la città e la vorrebbero mantenere intatta – spiega Michele Lino Vernazza, socio di Ati – conosciamo bene il territorio e meglio di altri abbiamo la percezione di quello che manca”.

Un progetto preliminare da 20 milioni di euro, che è stato depositato il 5 settembre in Comune. Ora partirà il periodo consueto riservato alle osservazioni. “Si tratta di un progetto preliminare e noi siamo ovviamente aperti ad ogni tipo di suggerimento”, conclude Vernazza.