Quantcast
Altre news

Porti: Genova, Barcellona e Rotterdam premono per un rafforzamento dei corridori ferroviari

Genova. Un nuovo ponte ferroviario europeo. Ecco a quello a cui mirano Genova, Barcellona e Rotterdam che da ieri sono tra le città europee che, formalmente costituitesi nella Ferrmed Cluster of Cities Association, premono a livello europeo per un rafforzamento dei corridoi ferroviari europei in grado di dare sbocchi al mare più efficaci.

Nell’ambito della Conferenza annuale di Ferrmed (l’organizzazione che vede appunto riunite con questo obiettivo imprese, città e associazioni diverse), si è costituita oggi a Bruxelles una associazione di città-porto che vede riunite un ‘grappolo’ (cluster) di città. Si tratta di una vera e propria lobby, nata esplicitamente con lo scopo di fare pressione sulla Commissione Europea affinché venga soddisfatto il bisogno di logistica proprio dei porti europei. Non a caso alla riunione di oggi ha presenziato anche il presidente della Commissione Europea, Manuel Barroso.

Sarà lui, infatti, che il 19 ottobre prossimo presenterà i nuovi percorsi ferroviari, o quelli rivisitati. “Tra questi – ha spiegato il vicepresidente di Ferrmed, Tirreno Bianchi – ha forte valenza il corridoio 24 (il terzo valico), su cui puntano con forza Genova e Rotterdam”. Alla riunione di Bruxelles ha preso parte anche il sindaco di Genova, Marta Vincenzi. “Genova, la città, il suo porto, sottoscrivono e rilanciano con forza e piena convinzione il manifesto di Ferrmed. Tutte le città coinvolte sono città-porto che condividono un punto di vista comune”. Il vicepresidente di Ferrmed, Tirreno Bianchi, non ha escluso che, tra le reti ferroviarie del futuro, possa rientrare anche il percorso litoraneo, che corre lungo le coste del Mediterraneo e che è ‘spinto’ soprattutto dalla città spagnole.