Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pd, Puc, Danovaro e Rasetto: “Strumento necessario”

Genova. In merito alle critiche mosse da Davide Viziano all’adozione del nuovo Piano Urbanistico Comunale, sono intervenuti ieri Victor Rasetto, Segretario PD Genova e Marcello Danovaro, Capogruppo PD Consiglio Comunale: “Non possiamo che ribadire che riteniamo l’adozione del PUC necessaria per il futuro della città – spiegano gli esponenti Pd – sia dal punto di vista paesaggistico che produttivo perché strumento capace di flessibilità e adeguamento ai cambiamenti che le evoluzioni e le trasformazioni socio-economiche future potranno richiedere”.

“Vi si riconosce infatti il principio della salvaguardia del territorio e della riqualificazione del profilo urbanistico e abitativo coerenti con l’evoluzione della composizione sociale, degli andamenti demografici e del riassetto produttivo ed economico. Si tratta di uno strumento di pianificazione del futuro della nostra città efficace poiché flessibile e pronto ad accogliere le nuove opportunità per lo sviluppo di nuovi siti produttivi, incentivante per la riqualificazione abitativa favorendo innovazione di materiale, spazi, compatibilità ambientale ed energetica, capace di alleggerire il traffico veicolare favorendo le infrastrutture interne e di collegamento, velocizzando la mobilità interna e valorizzando il patrimonio storico urbanistico e dando maggiore respiro alle aree verdi”.

“Il percorso già avviato di confronto ed ascolto delle categorie produttive, ed i successivi passaggi ai livelli municipali ed in consiglio comunale permetteranno il necessario perfezionamento degli strumenti urbanistici volti al raggiungimento di quegli obbiettivi nei quali ci riconosciamo pienamente”.

“Rispetto alle preoccupazioni espresse, si prevede che nella stessa delibera di adozione del PUC ci si possa avvalere di quanto previsto dall’art 59 della legge regionale 36/97 sull ‘urbanistica, cioé di poter procedere a varianti di riallineamento per evitare che durante il regime di salvaguardia la città non possa svilupparsi. In quest’ottica é in corso con la Regione l’individuazione di strumenti che possano accelerare ulteriormente i tempi”.