Quantcast
Politica

Manovra, governo chiede la fiducia: rialzo Iva al 21% e interventi su pensioni donne

Sulla manovra il governo punta a chiedere la fiducia. Il Consiglio dei ministri e’ stato convocato oggi a palazzo Chigi, alle 18, per autorizzare il voto di fiducia sulla manovra economica. La decisione dell’esecutivo è arrivata dopo un vertice di maggioranza che si è svolto nella residenza del premier Silvio Berlusconi a cui hanno partecipato il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, il sottosegretario Gianni Letta, il ministro della Semplificazione normativa Roberto Calderoli, il capogruppo alla Camera dei deputati Pdl Fabrizio Cicchitto e quello dei senatori Maurizio Gasparri, oltre al capogruppo della Lega al Senato, Federico Bricolo.

”Il Governo intende porre la fiducia sul testo commissione della manovra, con le seguenti aggiunte: aumento di un punto iva, dal 20 al 21%, con destinazione del maggior gettito a miglioramento dei saldi del bilancio pubblico; fino al pareggio di bilancio, contributo del 3% sopra i 500.000 euro; adeguamento delle pensioni delle donne nel settore privato a partire dal 2014″ comunica una nota di Palazzo Chigi. Giovedi’ inoltre il Consiglio dei Ministri approvera’ l’introduzione in Costituzione della ”regola d’oro” sul pareggio di bilancio e l’attribuzione alle Regioni delle competenze delle Province. Per quanto riguarda l’iter della manovra, il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, ha annunciato che il Senato darà il suo via libera domani, con il voto di fiducia.

Più informazioni