Quantcast
Sport

La Sampdoria si comporta da grande, due squadre per un modulo

Genova. Nel calciomercato blucerchiato si parlò molto di trequartisti. Il mister Gianluca Atzori era abituato a giocare così. Anche noi giornalisti abbiamo insistito su quella che appariva una lacuna. Nell’ultima settimana di mercato Pasquale Sensibile presenta il doppio trequartista: Bentivoglio e Pasquale Foggia. Li presentò entrambi, assieme, senza infingimenti: “Sono arrivati i trequartisti”.

Il calcio è strano, Atzori ha lavorato con cura su testa e gambe, ha notato che i due davanti – Nicola Pozzi e Christian Bertani – si muovevano a meraviglia e sapevano sfruttare cross dalla fasce piuttosto che palloni ficcanti. Ha ritrovato in Semioli un buon interprete del gioco di fascia. Ha visto che Angelo Palombo e Pedro Objang fanno una buona diga in mezzo. Per non parlare del fatto che lo stesso Foggia si trovi a suo agio

Al che, nessun fondamentalismo e duttilità, se la squadra si esprime meglio con il 4-4-2 che 4-4-2 sia. Non è un caso che anche ieri, nell’amichevole di metà settimana disputata conto la Cairese, la Samp si sia schierata con questo modulo (scatenando, fra l’altro, quel Fornaroli autore di una tripletta, molto amato dai tifosi ma che nelle gare ufficiali rimane un oggetto misterioso).

La Samp si comporta da grande, dimostrando di disporre di due squadre, con quella che ieri si è divertita contro la Cairese che forse non sfigurerebbe neppure nel campionato di serie A.
Le buone notizie arrivano dall’infermeria, Gastaldello dovrebbe rientrare contro l’Albinoleffe, sabato con il Grosseto dunque ancora spazio Costa. Indiscrezioni dell’ultima ora sulla difesa parlano di un Rispoli che sta incalzando Volta per il posto da titolare sulla linea difensiva di destra. Volta è ottimo giocatore, già l’anno passato in serie A cominciò piuttosto bene. Atzori ha dimostrato di sapere curare le teste e l’intuizione è che avrà un’altra chance contro il Grosseto.

Il Grosseto si presenta a Marassi con molto entusiasmo, una squadra che sembra già rodata, un mix tra giovani e uomini più esperti. Certo sarà difficile non si faccia sorprendere e soverchiare dall’ambiente Marassi, ma attenzione a gente come Caridi e a un allenatore bravo come Guido Ugolotti.