Quantcast
Cronaca

La Lega Calcio nega uno striscione in favore di Mario allo stadio Marassi

Genova. La battaglia in favore di Mario, l’operaio licenziato dall’Ilva perchè ha litigato in reparto con un collega continua. La Fiom, anche a nome della Rsu dell’Ilva SpA, ha chiesto nei giorni scorsi alla Società Sampdoria l’autorizzazione a svolgere nella prossima partita di campionato una iniziativa sindacale (un giro di campo con lo striscione “siamo tutti Mario”) presso lo stadio L.Ferraris.

La ragione della mobilitazione riguarda il licenziamento di un lavoratore della fabbrica Ilva di Cornigliano e l’iniziativa di domani vuole rappresentare “il sentimento dei dipendenti della fabbrica che si riconoscono nel nome del lavoratore licenziato”, dice Bruno Manganaro responsabile Fiom-Cgil di Genova. “Purtroppo la Società ha risposto che la Lega Calcio nega l’autorizzazione per manifestazioni sul campo di natura politico o sindacale. Crediamo sia comunque importante mantenere alta l’attenzione su tale vicenda pertanto lo striscione sarà appeso in gradinata”.

Più informazioni