Quantcast
Economia

La Confartigianato mette al lavoro i politici: oggi parte l’iniziativa “un giorno da artigiano”

Genova. Ammettiamolo, in questi tempi sarebbe facile fare dell’ironia su questa interessante iniziativa promossa da Confartigianato Liguria e che si chiama: “Un giorno da artigiano”.

A partire da oggi pomeriggio, 26 tra assessori e consiglieri regionali lavoreranno per un giorno all’interno di attività di piccoli imprenditori. “L’idea viene fuori proprio per far capire all’amministratore quali siano i problemi dell’imprenditore – spiega Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – che oltre a impiegare molto del suo tempo nella produzione deve anche stare attento a tutto la parte amministrativa e burocratica dell’azienda”.

“L’imprenditore – prosegue Grasso – è distratto da troppe attività che non sono sempre sono connesse al cliente, alla produzione, ma che appunto hanno a che fare la parte fiscale e burocratica che se non snellita distolgono dalla produzione”.

L’obiettivo dunque, non è solo far capire ai politici cosa significhi lavorare in questo ambito, ma anche riuscire a rinsaldare il rapporto tra l’associazione e la politica per comprendere assieme quali siano i problemi che attanagliano questo settore vitale anche nella nostra Liguria.

Ma quali saranno i settori coinvolti?

“Abbiamo tutti i settori dell’artigianato, dall’edilizia alla moda al settore alimentare, fino ad arrivare ai taxi, copriremo tutto il settore artigianale – ci dice Luca Conti Segretario regionale di Confartigianato – Partiamo oggi con Angelo Berlangieri che dovrà cimentarsi con la prova del bagnino a smontare le cabine, poi si passerà alla Raffella Della Bianca che domani avrà a che fare con depliant e nel pomeriggio Maruska Piredda dovrà affrontare la più difficile delle prove dovendo preparare il pesto”.
Anche Claudio Burlando si cimenterà in una pasticceria genovese, qualcuno già lo avverte: “Attento alla linea”.