Cronaca

Italia-Serbia, pene confermate in appello per i 4 ultrà

Italia Serbia Stadio Marassi

Genova. Per i quattro ultrà serbi che la sera del 12 ottobre scorso si resero responsabili dell’interruzione della partita Italia-Serbia, valevole per le qualificazioni europee che si disputava nello stadio Ferraris del capoluogo ligure, è stata confermata la pena anche in appello.

Si tratta di Ivan Bogdanov, il capo della tifoseria, per il quale sono stati confermati 3 anni e 3 mesi, Sradan Jovetic (2 anni e 6 mesi), Danijel Janjic (2 anni e 8 mesi) e Nikola Klickovic (3 anni di reclusione).

Le accuse a carico dei quattro sono resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e reati legati alla legge 401 del 1989 che regolamento il comportamento durante gli avvenimenti sportivi.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.