Quantcast
Politica

Industria ittica, Mondello: “Salvaguardiamola evitando di privilegiare il pesce estero”

Regione. L’onorevole Gabriella Mondello (Udc), insieme a Teresio Delfino (Udc) e altri parlamentari, ha presentato un’interrogazione al ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali e della pesca Romano discussa alla Camera in occasione del “Question Time” per sollecitare il Governo ad assumere misure urgenti al fine di tutelare e sostenere l’occupazione della pesca.

“Dobbiamo difenderci dall’assalto dei competitori esteri, asiatici e africani – afferma la Mondello – che, anno dopo anno, sono riusciti a conquistare quote di mercato sempre maggiori”.

Nel 2010 è stato registrato un tasso di prodotti ittici venduti nel nostro Paese vicino al 73 per cento, pari a 941 mila tonnellate di pesce per un valore di 3,99 miliardi di euro.

Una cifra impressionante se confrontata con i prodotti ittici italiani esportati che risultano poco più di 135,5 tonnellate per un valore di 520 milioni di euro, un vero paradosso se si considera che l’Italia è bagnata da 8350 chilometri di costa.

“Le Cooperative di pescatori anche nella nostra Regione e nel Tigullio – continua la Mondello – sono in affanno, la mancanza di una etichettatura trasparente non permette al consumatore di conoscere la provenienza del prodotto e di avere un’informazione completa”.

La carenza di adeguati approdi finisce per penalizzare il rifornimento d’acqua e di carburante e influisce sulla vendita di quanto viene pescato ogni giorno, perché le filiere si allungano, mentre la remunerazione dei pescatori si riduce.

“Si tratta di una vera e propria emergenza occupazionale – conclude la Mondello – bisogna pertanto intervenire per salvaguardare quei posti di lavoro che negli ultimi cinque anni sono già stati letteralmente polverizzati, è pertanto richiesta da parte del Governo e del ministro Romano l’assunzione di provvedimenti urgenti e non più procrastinabili”

Ci aspettavamo una risposta forte da parte del Governo con assunzione di misure urgenti a tutela del lavoro dei pescatori che invece, purtroppo, non è arrivata.