Quantcast
Sport

Hockey prato, serie B: il Cus Genova pensa in grande, novità pure per il Genova 1980

Genova. Domenica 25 settembre inizierà il campionato di serie B. Passiamo in rassegna le principali novità delle squadre liguri.

Tra Genova Hockey 1980 e Cus Genova, come gli scorsi anni, diversi scambi incrociati. Iniziamo da Mirko Barrera che, dopo una stagione al Genova 1980, desiderava accasarsi alla Superba in serie A2: dopo il “no” di Ferrero, “Willo” è rientrato di buon ordine nei ranghi cussini.

Cus desiderato e ottenuto, invece, da Marco Coltelli, per il quale possiamo parlare di “missione compiuta”. Il giovane attaccante ex Genova 1980 spiega: “Ho passato due anni molto belli, in cui credo di essere migliorato molto. Ora voglio mettere alla prova i miei miglioramenti al Cus Genova. Ringrazio il Genova 80 per questi due anni!”.

Il Cus, che non ha confermato la coppia di Moncalvo Cabiale – Sandiano, completa la propria rosa con i rientri di Filippo Durante e Fabio Tollini dalla serie A1: è una squadra che, secondo Ferrero, ha tutto per puntare dritto all’A2 dopo quindici anni di purgatorio.

Al Genova 1980, che conferma Alessandro Scopesi, arriva (ma è un ritorno) Roberto Fiorini. Fiorini aveva già disputato un campionato indoor nella squadra della Lanterna, e al Genova 1980 avrà compiti anche fuori dal campo, nel settore giovanile della società in via di allestimento. Mister Grioli, inoltre, spera di arricchire la propria rosa con Giacomo Bianchetto: il 20enne cussino sta pensando a un suo ritorno sui campi dopo un anno di stop, e potrebbe farlo nelle file del Genova 1980.

Il Genova 1980 completa la propria rosa con l’arrivo, dalla Superba, di Federico Rizzello. Il giovane bomber rinforzerà il fronte offensivo dei biancorossi. Ma è in arrivo anche un’ultima bomba di mercato, che Franza spera di mettere a segno in tempo per l’inizio del campionato, offrendo così a Toni “Armando” Grioli una rosa in grado di ripetere i “miracoli” del 2010.

Ma la notizia più gradita in via Bartolomeo Bianco, quella da “nove colonne”, è il grande ritorno di Amedeo Martini: l’allenatore del periodo più felice del Cus Genova dalla ricostruzione, colui che ha guidato la squadra di Ascione, Grioli, Noris e Riva in serie A2 (sfiorando la promozione in A1) per tante stagioni. Amedeo Martini, dopo tanti corteggiamenti da parte di altre società genovesi, ha scelto il Genova 1980: sarà il responsabile del settore giovanile, insieme al già citato Roberto Fiorini.

Franza è raggiante: “Con Amedeo mi lega stima e affetto: è il più grande allenatore che io abbia conosciuto, ed è stato il mio primo allenatore, quando ero bambino. Alla guida del Cus Genova ‘stellare’ negli anni Ottanta c’era lui. Il fatto che abbia resistito alle lusinghe di società più solide e titolate della nostra, e abbia invece scelto il Genova 80, significa che il nostro progetto lo ha convinto. Con Amedeo, e Roberto, quest’anno cercheremo di costruire un settore giovanile solido e ricco di futuri talenti hockeistici”.

Minori i movimenti nelle altre squadre liguri. Dopo il forzato stop di Federico Pinna, l’HC Genova è alla ricerca di un portiere da affiancare a Giancarlo Saba. Raimondo Laureana ha sondato la disponibilità di Alessandro Bertone, il capitano del Genova 1980, ricevendo in risposta un cortese ma fermo rifiuto, per poi ripiegare sul secondo portiere dei biancorossi, Matteo Zero, che aveva chiesto di accasarsi coi gialloblù. Desideri opposti per Luca Cambiaso, ex Cus Genova e ora tesserato HC, che aveva chiesto di fare una stagione con i suoi vecchi amici, ora tutti al Genova 1980. Al momento il doppio trasferimento è in stand-by: sono d’accordo i due giocatori e il Genova 1980; l’HC Genova, prima di dare il definitivo via libera, sta verificando la consistenza della propria rosa.

Il Savona non riscatta il prestito di Abrahin (dopo un anno in A1 è rientrato in Argentina), ma ha convinto il veterano Pavani all’ennesima stagione da goleador. Anche l’asso argentino Ruben Nuñez, dopo un’estate di riflessioni, è rientrato nel gruppo, completando così una rosa giovane e affiatata alla cui guida, quest’anno, c’è il grande motivatore Giuseppe Bruzzone.

In casa Liguria, rosa confermata rispetto alla scorsa stagione. Le novità più belle nelle due società savonesi potrebbero arrivare sul fronte campo da gioco per il quale, ormai, si aspetta soltanto l’avvio dei lavori.