Cronaca

Genova, processo alle maestre dell’asilo del terrore “Cip & Ciop”: il pm contesta le aggravanti

tribunale

Genova. Continua il processo alle due maestre accusate di aver maltrattato i bimbi dell’asilo “Cip & Ciop” di Pistoia. Maltrattamenti aggravati dalle lesioni gravi: è quanto ha contestato il pm Silvio Franz ad Anna Laura Scuderi ed Elena Pesce. La richiesta è avvenuta in sede di incidente probatorio, che si è concluso questa mattina, dopo che si è appreso l’esito di una perizia psichiatrica sui 46 bambini e su quindici di loro sono state riscontrate lesioni psichiche gravi.

Le due maestre furono arrestate il 2 dicembre del 2009 con l’accusa di maltrattamenti in concorso e continuati su minori. Le indagini, coordinate dal pm Silvio Franz, furono condotte dalla polizia giudiziaria e dalla squadra mobile di Pistoia, ma l’inchiesta fu poi trasferita a Genova perché uno dei bimbi dell’asilo è figlio di un magistrato toscano e, per questo, non poteva occuparsene la procura di Pistoia.

Nell’incidente probatorio di questa mattina, uno dei periti, la dottoressa Susanna Mazzucchelli, che con il professor Paolo Cornaglia Ferraris ha eseguito la perizia sui bimbi, è stata controinterrogata dai legali di parte civile e della difesa. L’udienza è stata rinviata al 19 ottobre, data in cui i difensori, alla luce della nuova contestazione formulata dal pm, potranno decidere se proseguire il processo con rito abbreviato oppure optare per il dibattimento o ancora chiedere una integrazione probatoria

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.