Quantcast
Cronaca

Genova, allarme scippi d’oro: 3 nordafricani in manette

Genova. Gli agenti della Squadra mobile di Genova e quelli del commissariato centro hanno tratto in arresto tre nordafricani, in particolare due con l’accusa di rapina con strappo di collanine e uno con quella di ricettazione delle stesse catenine. Arresti che confermano una propensione sempre maggiore dei malviventi nel ricercare oggetti d’oro da rubare piuttosto che borse di cui non si può conoscere in anticipo il contenuto. Il prezzo del metallo prezioso, invece, è alle stelle, e costituisce una garanzia di guadagno.

“E’ un risultato che testimonia l’impegno messo in atto in modo sinergico fra le forze dell’ordine, che ha portato alla cattura di due soggetti molto pericolosi, che avevano messo già in atto un’azione estremamente violenta – spiega Gaetano Bonaccorso, comandante Squadra Mobile – si tratta delle due persone che il 28 giugno scorso, avevano aggredito un uomo in piazza Portello, provocandogli lesioni gravi e addirittura probabili danni permanenti alla mobilità”. I due nordafricani avevano infatti seguito il 69enne e dopo averlo preso a calci sulle gambe, lo avevano spinto a terra, strappandogli la collana d’oro che portava al collo. Si tratta di El kabbali e jalal El jawad, entrambi 22enni marocchini.

Insomma, complice la crisi, la mancanza di lavoro e il prezzo dell’oro, continuano ad aumentare i casi di scippi di collane. “Non spetta solo a noi stabilire le cause di questo incremento, anche se possiamo dire che questa tipologia di reato viene effettuata sicuramente da persone che vivono in situazioni di disagio, anche per non necessita di particolare organizzazione, né di mezzi di locomozione – conclude il comandante Bonaccorso – L’oro è particolarmente appetibile per il contesto del momento, ma è un fenomeno su cui poniamo grande attenzione investigativa. In compenso stiamo registrando un abbattimento delle rapine in banca, ad esempio, che richiedono una maggiore organizzazione e le truffe ai danni di anziani”.