Dylan Dog, addio a Bonelli: a Rapallo la mostra dedicata al mito

dylan dog

Genova. Nel giorno dell’addio a Sergio Bonelli, papà di Tex Willer e editore di miti quali Dylan Dog e Nathan Never, il caso ha voluto che a Genova fosse presentata la mostra su Dylan Dog, in progreamma a Rapallo dal 1° al 16 ottobre 2011 (Lungomare di Rapallo, inaugurazione sabato 15 ottobre, ore 17:00).

L’esposizione ripropone quasi tutte le tavole originali del numero uno del fumetto (ottobre 1986) disegnate da Angelo Steno, corredate, per l’occasione dalla sceneggiatura, dalle annotazioni e dai bozzetti di Sclavi. Un piccolo tesoro distribuito lungo una quarantina di pannelli: un dietro le quinte prezioso, che racconta la genesi di un enorme successo. Insieme alla mostra verrà pubblicato anche un catalogo di una sessantina di pagine con una lunga intervista a Sclavi fatta da Carlo Chendi, presidente di Rapalloonia e organizzatore della mostra insieme al suo vice Sergio Badino.

Un evento da non perdere per tutti gli amanti dell’Indagatore dell’Incubo. Per l’occasione infatti alcuni autori della Sergio Bonelli Editore e Dylan Dog firmeranno autografi, scriveranno dediche ed eseguiranno disegni per il pubblico di grandi e piccini.

“Se ne va un gigante dei fumetti che ci voleva bene,”- ha detto l’assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Liguria Angelo Berlangieri, “Credo che nelle prossime settimane si debba trovare il modo di rendergli omaggio in modo meno affrettato di oggi”. Bonelli, in mattinata, nel corso della conferenza stampa in regione Liguria, è stato ricordato anche da Sergio Badino, sceneggiatore e direttore artistico della mostra di Dylan Dog.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.