Economia

Contratti, Confindustria e sindacati firmano l’accordo del 28 giugno

susanna camusso, segretario generale Cgil

Confindustria e sindacati hanno firmato in via definitiva l’accordo interconfederale del 28 giugno scorso su contratti e rappresentanza. La sigla è avvenuta in mattinata, al termine di un incontro tra la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia e il leader di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, nella foresteria degli industriali a via Veneto. Confindustria e sindacati hanno inoltre convenuto di applicare integralmente quanto previsto dall’accordo.

“Abbiamo sottoscritto in via definitiva l’accordo interconfederale del 28 giugno”, ha detto la presidente degli industriali. La firma in questo modo, ‘neutralizza’ di fatto gli effetti dell’articolo 8 della manovra economica varata dal governo con cui si prevedeva la possibilità di deroghe nei contratti aziendali rispetto al contratto nazionale. “Abbiamo ribadito che la contrattazione è materia dell’autonomia delle parti e non del governo”, ha infatti sottolineato la leader della Cgil, Susanna Camusso.

“C’e l’impegno formale all’applicazione” dell’accordo stesso, precisa. Camusso non entra nel merito di un possibile riavvicinamento tra le parti sociali limitandosi ad osservare che il momento “è grave e complicato; il governo -dice- continua a fare di tutto per complicarlo di più. Quindi il governo è parte e causa del problema”. Anche per il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, e il segretario generale della Uil Luigi Angeletti la sigla dell’accordo del 28 giugno “è un fatto importante che fuga ogni preoccupazione e distorsione che c’è stata”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.