Quantcast
Sport

Calcio, Coppa Italia: la Culmvpolis resiste al Serra Riccò, Sestri Levante avanti facile

Arenzano. Il carattere e la capacità di non rassegnarsi hanno spinto la Sestrese all’impresa sulla Veloce: i genovesi si sono imposti 3 a 2 in rimonta. Per i granata sembra tutto facile fin dai primi minuti: al 2° Quintavalle sblocca il risultato su punizione e al 7° raddoppia con un pallonetto ai danni di Rovetta in uscita. A quel punto però, la squadra allenata da Luca Monteforte riordina le idee e, con la forza di chi non ha nulla da perdere, inizia a fare il gioco. Al 17° Anselmi accorcia le distanze e al 31° Anselmo pareggia realizzando un rigore assegnato per fallo di mano di Maisano. Al 12° del secondo tempo i verdestellati usufruiscono di un altro penalty e questa volta lo trasforma Anselmi.

Successo in rimonta anche per il Rapallo, ma non sufficiente per passare il turno dato che i bianconeri erano già fuori dai gioco. Sul terreno del Santa Maria Taro i ruentini sono andati sotto al 13° per un goal di Dasso. Ha pareggiato Frati al 19° e nella ripresa, al 29° Pingani ha segnato la rete del 2 a 1 per la compagine di mister Marani. A quel punto i locali hanno perso la calma e sono stati espulsi per proteste prima Venuti e poi Ferri.

Segno “2” pure a Romito Magra, dove il Sestri Levante ha liquidato la Tarros con un goal per tempo, entrambi giunti nei minuti finali. I ragazzi guidati da Juary sono andati a bersaglio con Sabbione nella prima frazione di gioco e con Venturini nella seconda per lo 0 – 2 conclusivo.

Ha concluso a punteggio pieno anche il Busalla, ma per i biancoblu non è stato facile far valere la differenza di categoria con l’Athletic Club Genova. Sul terreno dell’undici di mister Ledda è finita 1 – 0 grazie ad un goal di Spinelli alla mezz’ora.

Vittoria di misura, per 1 a 0, però in trasferta, pure per la Genovese. Una punizione vincente di Tomero ha spinto la matricola a cogliere il bottino pieno in casa del Campomorone. La compagine allenata da Gallo si è così presa la soddisfazione di far fuori una squadra di Eccellenza.

Stessa gioia per il Castelletto Solferino, con l’aiuto decisivo del sorteggio. Sul campo di Begato il team condotto da Oliva ha pareggiato lo scontro diretto con il Pontedecimo. I granata sono andati avanti per due volte e per due volte sono stati ripresi. Al 28° del primo tempo è andato a segno Ferrari; un paio di minuti dopo ha replicato Canessa. Nella ripresa, al 2°, Fioretti ha riportato in vantaggio i locali; al quarto d’ora ha rimediato Zani.

Seconda vittoria per la Bolzanetese guidata da Battiston che si è imposta al Gambino di Arenzano per 1 a 0. La partita è stata decisa da un gran goal in rovesciata di Mereu al 33°. Per i locali, allenati da Casone, una sconfitta che non crea drammi dato che devono ancora trovare il giusto assetto dopo la rivoluzione scaturita dalla retrocessione dalla serie D.

Tutto facile per il Rivasamba che ha domato il Casarza Ligure con un 4 a 2. Gli arancioneri hanno realizzato sei reti in due partite, buon biglietto da visita in vista del campionato di Eccellenza nel quale punteranno a salvarsi senza soffrire.

Sul campo di Sori, il Camogli ha tenuto testa per un tempo al Fontanabuona. Alla rete di Memoli al 33° ha replicato Calliani al 41°. Nel secondo tempo la formazione di mister Dal Monte è stata piegata dai centri di Memoli al 15° e Biggio al 43° per l’1 a 3 conclusivo.

Il Serra Riccò ha provato a far fuori la Culmvpolis e c’è andata vicino, ma al Negrotto è finira 3 – 3. Chiamati al successo alla luce della peggiore differenza reti, i gialloblu sono andati avanti alla mezz’ora con Ferraro. Nel secondo tempo Pigliacelli al 3° e Di Somma al 15° hanno capovolto il risultato. Nuovo ribaltone favorevole al team allenato da Ferrando nel giro di due minuti, con le reti di Ronco su rigore e Rotunno. Ma al 38° Di Somma ha definitivamente impattato.