Quantcast
Sport

Triathlon di Osiglia: vince l’emiliano Fiamme Azzurre Davide Uccellari

osiglia

Osiglia. Si accontenta di un terzo posto il superfavorito Vladimir Polikarpenko nella 13ma edizione del Triathlon di Osiglia, conquistata invece da Davide Uccellari. L’atleta emiliano tesserato per le Fiamme Azzurre è riuscito ad avere la meglio sull’ucraino che pure ha dominato le frazioni di nuoto e bici, ma è stato poi scalzato anche nel secondo podio, guadagnato dall’argentino Gonzalo Tellechea.

Quarto posto per Andrea Morelli (Cus Torino), quinto Luca Liccardo (AtlBellinzago), sesto Juan A. Dominguez (Argentina), settimo Lorenzo Boeris (Cus Torino), ottavo Gabiele Vergano (Peperoncino Team), nono Alessandro Ussi (Forhans Team), decimo Paolo Ciscato (Freezone). La classifica femminile vede la vincitrice Elisa Battistoni (Freezone) seguita da Laura Mazzucco (Alba Tri) e Angela Stefani (Bike Station Triathlon).

Successo confermato per questa nuova edizione del thriathlon nell’area valbormidese, per la prima volta su distanza olimpica: 1500 metri a nuoto, 40 km in bicicletta e 10 km di corsa. Sono stati oltre 280 i partecipanti, fra i quali diversi professionisti argentini e francesi per un mosaico di concorrenti davvero internazionale.

I triatleti, dopo la consegna dei pacchi gara all’Imbarcadero, hanno iniziato la gara alle 11,30, sfidandosi a bracciate nelle acque del lago, proseguendo con la bici sino a località Isolagrande di Murialdo (la zona della frana che ha spezzato in due la viabilità dell’Alta Valbormida) e confrontandosi nella corsa a bordo del lago.

La manifestazione ha però avuto anche un risvolto naturalistico. Per trasformare l’appuntamento sportivo in un evento ad “emissione zero” è stata attuata l’iniziativa “Triathlon for Tree”. Ogni atleta partecipante (compresi quelli di ieri nella giornata “open”) ha adottato un albero che verrà acquistato presso un vivaio; tutti gli alberi adottati verranno poi messi a disposizione per essere utilizzati a rimboschire aree verdi nella provincia di Savona che hanno subito un degrado legato ad esempio ad incendi, alluvioni o interventi dell´uomo.

Più informazioni