Quantcast
Politica

Tranvia in Valbisagno e prolungamento metro, Farello: “Scelte importanti”

Genova. Via libera al progetto preliminare per la tranvia della Valbisagno. “I fondi saranno stanziati dal Comune di Genova e ammontano a circa 2-3 milioni di euro”. Lo ha detto oggi l’Assessore al traffico del Comune di Genova Simone Farello, nel corso di una conferenza stampa a Tursi a cui ha partecipato anche la Sindaco Marta Vincenzi.

Farello ha annunciato alcune scelte operate dal Comune in tema di viabilità e trasporti. “Si definisce finalmente una programmazione che risponda anche alle esigenze che il territorio ha ben evidenziato nel processo di partecipazione sulla tranvia concluso il 29 giugno”.

L’intervento riguarda il particolare la sponda destra del Bisagno, da Prato a Brignole e la sponda sinistra, tra Piazza Galileo Ferraris e il centro della città. “Con possibilità di sviluppare un sistema di rete che si possa estendere sia sull’asse del 17 – aggiunge Farello – sia per lo sviluppo sul centro città fino a Principe, sfruttando anche innovazioni progettuali su Via XX Settembre, che sarà destinata al trasporto pubblico con l’estensione della pedonalizzazione”.

In particolare “il trasporto pubblico che scorrerà in Via XX sarà elettrificato”, preannuncia Farello, “per esigenze di sostenibilità. Via XX punta a diventare la porta della città per chi arriva dal Levante. L’impegno è di avere un concorso di idee questo autunno”.

“Nello stesso tempo, per consolidare una scelta di rete di trasporto pubblico efficace, in un rapporto tra trasporti in superficie e metropolitana, il Comune, sfruttando l’accordo fatto con Ferrovie dello Stato nel liberare le aree fino ad oggi non disponibili dell’ex parco locomotori di piazza Giusti, ha comunicato di volersi impegnare per il prolungamento della metropolitana. La metro arriverà a Brignole nel 2012, e la nuova fermata sarà invece Piazza Giusti Martinez, sfruttando aree che rendono così non necessario lo scavo, ma usando l’impalcato ferroviario attuale”.

“E’ una soluzione che si integrerà con la tranvia”, sottolinea ancora Farello, “in un contesto che riguardo un bacino di utenza di circa 100mila abitanti, di San Fruttuoso, Quezzi e delle colline circostanti”.