Quantcast
Sport

“Sei davvero grande”: il brano portafortuna della Pro Recco corre sul web

Pro Recco Rari Nantes Savona gara 1 scudetto

Recco. “Abbiamo iniziato a giocare dentro allo stadio del mare uno specchio d’acqua salata, come spalti la passeggiata. Il delfino si è trasformato in caimano, un gioco di squadra che parte lontano, son sette i campioni e mille le feste. Pro Recco hai vinto Trieste”. E’ l’attacco di “Sei davvero grande”, il brano-portafortuna dedicato alla Pro Recco. La versione strumentale è stata ripetutamente suonata nelle vittoriose prima e terza finale di campionato per lo scudetto 2011 (rispettivamente nella gara dell’11 e del 18 maggio).

Dopo la musica è ora arrivato anche il testo. Compositrice e autrice del testo è Cristina Di Sciorno, l’artista ligure che da circa un decennio ha al suo attivo la composizione e l’incisione di colonne sonore di video, film e pubblicità di successo. Il pezzo, in versione strumentale e cantata, dedicato alla squadra e a tutti i fans delle Pro Recco ora viaggia in rete, è infatti da oggi disponibile su iTunes digitando “Sei davvero grande”, oppure il nome dell’autrice Cristina Di Sciorno.
Ma come è nato questo brano? “Un giorno di fine aprile – racconta Cristina di Sciorno – mi sono trovata a prendere un caffè a Recco con Giuseppe Porzio, allenatore della Pro Recco, il Caimano-Eraldo Pizzo e Massimo Ferreccio, responsabile del settore giovanile della squadra. Parlando di azioni scaramantiche che i giocatori compiono prima di ogni partita mi confessarono il desiderio di avere anche per il team un brano musicale portafortuna. Mi chiesero se fossi riuscita a scriverne uno prima delle finali di campionato. Ovviamente trovai l’idea intrigante e non mi feci pregare, e poi c’erano già state delle precedenti collaborazioni, come il video commissionatomi dal Comune che avevo realizzato per l’anniversario del cinquantesimo scudetto della Pro Recco”.

“Sei davvero grande” ha così portato fortuna nelle finali di campionato e il team guidato da Mister Porzio ha vinto. “Non è certo merito mio, Porzio è un genio e ha una squadra da paura, però cabala è cabala e male non ha fatto – prosegue la compositrice recchelina d’adozione – e penso a quanto siano legati artisti e giocatori dalla stessa sottile superstizione, pronti a gesti propiziatori, prima di comparire davanti al pubblico. Per dare il meglio di sé”.
Alla prima versione strumentale di “Sei davvero grande” si è poi aggiunta quella cantata con un testo che parla della storia della squadra dal primo scudetto del 1959, nella storica finale di Trieste.

Allora questo pezzo si può definire l’Inno della Pro Recco? “Assolutamente no, se mai una sigla o un brano di accompagnamento – sottolinea l’autrice – trovo che gli ‘inni’, quelli da banda per intenderci, nel contesto sportivo siano un po’ superati. Oggi spesso sono le tifoserie che adottano dei pezzi, vedi la Roma con “Grazie Roma” di Venditti. Comunque ho preso consiglio da quello che diceva il dj della Pro Recco a proposito dell’inno della LEN in un intervista sul sito della squadra: alla gente, sugli spalti come in acqua, piace sentire qualcosa con un po’ di grinta”.

Cristina di Sciorno ha anche il sogno che questa canzone-talismano alimenti ulteriormente quel legame sottile che esiste tra squadra, città e tifosi. “Un vincolo sentimentale che cresce solo se la squadra è vissuta a tutti i livelli, come di recente è stato anche sottolineato in una riunione tra amministrazione comunale e vertici del team sportivo, a partire dalla formazione dei bambini, quelli che saranno i campioni di domani”.

La composizione è, inoltre, dedicata al Caimano, uno dei più famosi giocatori di pallanuoto di tutti i tempi, che proprio nei giorni della finale di scudetto ha festeggiato il sessantesimo anniversario del suo debutto nella pallanuoto.

Più informazioni