Quantcast
Sport

Esordio in coppa Italia per la Samp, Atzori: “Vogliamo arrivare fino in fondo”

gianluca atzori

Bogliasco. La stagione passata si è chiusa sulle lacrime di Angelo Palombo e le scuse alla Sud. Si ricomincia oggi, due giorni prima della partita ufficiale della Sampdoria in Coppa Italia contro l’Alessandria.

Gianluca Atzori si presenta ai microfoni per la prima conferenza stampa ufficiale, deciso e sereno.

Parla subito della partita: “Alessandria è un test importante perché finalmentec’è qualcosa in palio, non i tre punti ma la qualificazione. Noi teniamo alla Coppa Italia, e proprio per il blasone della Sampdoria dobbiamo fare di tutto per arrivare fino in fondo”.

L’Alessandria, poi, rappresenta un buon test proprio perché probabilmente verrà a Genova per chiudersi, e la Samp dovrà cercare di forzare la sua difesa.

Poi Atzori affronta le questioni tattiche a partire dal modulo e dal ruolo del trequartista: “3-5-2-, 3-4-3, cambia poco. Sto provando più il 3-4-3 perché la squadra sembra meno abituata. Per le caratteristiche dei giocatori che ho a disposizione è difficile proporre il 3-4-2-1. Ora sto usando Poli e mi sembra che il gioco stia funzionando”.

Un elogio poi a tutta la rosa, composta da giocatori che in serie B, in altre squadre, giocherebbero tutti titolari: “La squadra è composta da 32 giocatori, domenica posso convocarne solo 20 ne lascerò 12 a casa, chiunque rispetti queste regole, accettando la tribuna, può rimanere in questa squadra”.

Spende anche buone parole su Bruno Fornaroli, molto apprezzato dai tifosi che in questi giorni a Bogliasco gli hanno tributato molti applausi: “Io lo considero un giocatore blucerchiato”.

Si dice poi contento della scelta di Sergio Romero: “Che se dovesse arrivare, sarebbe una sicurezza. D’altronde è il portiere dell’Argentina”.

Infine ha ringraziato poi i tifosi, per l’affetto di tutte e tre le settimane a Moena, e soprattutto per la fiducia che hanno conferito alla squadra polverizzando in pochi giorni gli abbonamenti.

Domenica si ricomincia, dunque. Finalmente calcio vero