Quantcast
Politica

Piccoli Comuni, a Portofino la battaglia continua

giorgio d'alia sindaco portofino

Portofino. A tre giorni dall’annuncio del taglio dei piccoli comuni non si placa la polemica e il malumore per le vie di Portofino. Secondo la manovra anticrisi annunciata dal governo, che prevede l’accorpamento dei comuni sotto i mille abitanti, Portofino rischia infatti di “essere annessa” alla vicina Santa Margherita.

“Stiamo analizzando la situazione”, spiega a Genova24.it il sindaco della cittadina ligure Giorgio d’Alia. “Vogliamo vedere se cambierà qualcosa al momento della riconversione del decreto in legge. Speriamo che la nostra protesta serva a qualcosa”.

Il malumore tra gli abitanti del piccolo comune del levante genovese è palpabile. “Qui sono tutti contrari – riprende d’Alia – Non dimentichiamoci che Portofino ha una storia particolare, siamo la perla della Riviera e siamo conosciuti anche all’estero molto più di Genova”.

D’Alia è comunque fiducioso. “La nostra speranza è che in sede di dibattito parlamentare cambi qualcosa. Non sono i piccoli comuni la causa del dissesto finanziario di questo paese. Basti pensare che coi tagli che sono stati annunciati si risparmierà circa un milione e duecento mila euro. A conti fatti si tratta del costo annuo di tre o quattro deputati. La riduzione del costo della politica passa proprio dalla riduzione netta del numero dei parlamentari”.

“Forti di questa certezza – conclude – non ci diamo per vinti e continueremo a fare sentire la nostra voce”.