Quantcast

Pacchetti viaggio disastrosi, disdette e recessi: i consigli per le vacanze rovinate

vacanza

Vacanze difficili o addirittura rovinate per circa 50mila turisti italiani. Almeno secondo le 9.800 segnalazioni raccolte via telefono o web, dal 1 giugno al 24 agosto, da Telefono Blu Consumatori.

Segnalazioni che riguardano in totale circa 50mila connazionali. Fra i disagi segnalati soprattutto problemi legati a pacchetti viaggio acquistati online (nel 20% dei casi) o presso agenzie di viaggi, indirizzati sia Italia ma soprattutto all’estero. In particolare – si legge in una nota – al primo posto troviamo i disagi arrecati dai Tour Operator per cui sono pronti i ricorsi che partiranno da settembre da tutti i nostri uffici in Italia; si tratta del 30% delle segnalazioni di questo tipo. Seguono i recessi e le disdette a causa di situazioni di timore, dovute in primo luogo all’influenza cosiddetta suina e a situazioni drammatiche in giro per il mondo con il 20% dei casi, e le sovra-prenotazioni di hotel, residence e case .

Tra le localita’ straniere piu’ segnalate alcuni Paesi del Mediterraneo e le capitali europee, seguite da Carabi, Maldive (ovviamente per problemi di viaggio e ricettivita’) e Nord e Sud America, mentre in Italia i maggiori problemi hanno riguardato i pacchetti verso Sardegna, Calabria, Puglia, Romagna e Toscana.

Telefono Blu fornisce quindi alcuni consigli per tutelarsi, in caso di vacanze rovinate. Se avete acquistato il viaggio ‘pacchetto’ avete 10 gg dal vostro rientro per la contestazione del viaggio come da codice del consumatore e leggi varie. L’importante e’ inviare una raccomandata al piu’ presto dove avete acquistato il viaggio e per conoscenza al tour operator o altri soggetti interessati e chiaramente a Telefono Blu.

Conservate inoltre testimonianze, filmati (Telefono Blu li raccoglie dalla e-mail telblu@tin.it ), foto e quant’altro che testimonino direttamente il disagio e il danno subito.

Più informazioni