Quantcast
Cronaca

Notte Bianca, obiettivo 350 mila presenze: su Facebook corrono le polemiche

Genova. Gli iscritti alla pagina Facebook della Notte Bianca di Genova crescono di giorno in giorno. Il numero di persone che al momento hanno confermato la propria presenza ammonta a oltre 1200, ma l’obiettivo del gruppo è ben più ambizioso, cioè quello di portare in piazza 350 mila partecipanti.

Lasciando da parte le cifre, però, non mancano alcune polemiche, ad esempio la scelta dei protagonisti musicali, considerati un po’ ‘attempati’ e soprattutto scaturiscono malcontenti sul possibile coprifuoco che il Comune di Genova potrebbe decidere di stabilire alle 2.30. “Se la notte è ‘bianca’ allora DEVE finire alle 5/6, altro che coprifuoco”, si legge.

Ma sul più famoso social network esistono anche pagine che non vedono propriamente di buon occhio l’evento clou dell’estate genovese 2011, come il gruppo “Notte Bianca Genova: la protesta continua”. Qui i commenti si sprecano, a partire anche in questo caso dalla scelta dei musicisti.

“Il momento giusto per un week end da qualche altra parte”, oppure “Rifiutiamoci tutti di suonare gratis alla notte bianca per fare un favore a chi piange miseria, ma tira fuori i soldi per pagare Venditti e Bennato! Da Albano siamo passati a Venditti e Bennato, uhh che novità musicali nel 2011! Uniti per far sentire che ci siamo e non siamo zero”. Questo commento, tra l’altro, si trova anche sulla pagina ufficiale della Notte Bianca.

E ancora. “Almeno hanno avuto la dignità di ‘segare’ i Modà. Chiedevano troppi soldi, allora hanno ripiegato su Venditti. Al di la del fatto che mi domando come i Modà possano chiedere più di un signor artista come Venditti, mi domando ancora se tale nome sia adatto a un pubblico giovane come quello che dovrebbe ospitare la notte bianca”, o “Genova necessita di investimenti per correggere tutte quelle (tante) pecche che ha. La domanda è: è necessaria una Notte Bianca come questa, con nomi incapaci di adunare un pubblico degno di nota (non portando quindi i benefici che un evento come questo, se ben organizzato, potrebbe avere)? Ci serve davvero un evento che porti la gente solo a bere e sballarsi? Serve davvero regalare i soldi comunali senza avere un ritorno?”.

Insomma, tra consensi e critiche, la Notte Bianca sta prendendo forma e soprattutto è uno degli argomenti più attuali e discussi nel capoluogo ligure.