Quantcast
Sport

Il Genoa studia da grande mentre il mercato è in stallo

genoa - allenamento

Genova. Il precampionato, dal punto di vista dei risultati nelle poche amichevoli disputate, non è stato esaltante. Il campionato comincerà il 28 agosto con la partita di Napoli alle ore 18. In realtà poi ci sarà subito la sosta e il kick off, quello vero e senza fermate intermedie dove non sarà più possibile aggiustare ulteriormente la preparazione e magari inserire qualche nuovo giocatore fino all’ultimo secondo utile (il caso Diego Milito fa scuola), è segnato per l’11 settembre, esordio a Marassi contro la neo-promossa Atalanta.

Un Genoa imballato si è detto, per quanto concentrato e meno coinvolto dalle voci ci mercato rispetto ad altri anni. Questa sera alle 18 altra partitella con la primavera (ingresso per i tifosi a 5 euro) poi partenza per Gijòn dove domenica disputerà contro il Real Sporting l’atteso Trofeo Villa, giunto alla sua XV edizione.

Atmosfera accesa e festante, un vero e proprio match europeo con il presidente dello Sporting Gijòn che si è detto felice di ospitare la più antica squadra italiana. Nell’ultima edizione del trofeo fu il Milan a pardere 2 a 0, insomma avversari ostici e che tengono a ben celebrare la loro “semana grande”.

Voci di calciomercato, si diceva. Sembra risolto il mister Juraj Kucka che tanto aveva stupito addetti ai lavori e tifosi: lo slovacco, che ieri ha segnato nella sfida contro l’Austria, farà parte della compagine nerazzurra solo a partire dalla stagione 2012/2013, quest’anno rimarrà alla corte di Alberto Malesani. La ricostruzione del rapporto con l’Inter, dopo l’affaire Giam Piero Gasperini e dopo le difficili trattative per Igor Pandev e Rodrigo Palacio, riparte il progetto Casemiro (anche se sono pochi a scommettere sul suo arrivo in Italia).

Per il resto invece, i nomi e le trattative in atto e poi subito dopo smentite, sono sempre le stesse: Alberto Gilardino e Amauri sembrano ancora legati da un filo, con il possibile arrivo del brasiliano a Firenze legato alla cessione del biellese al Genoa (voluto fortemente da Enrico Preziosi).