Quantcast

‘Goletta Liguria’, Legambiente non ci sta: “Nome troppo simile a quello della nostra campagna”

Goletta Verde

Liguria. ‘Potrebbe nascere una grande confusione’. Questo è uno dei principali motivi che ha spinto il presidente di Legambiente a scrivere una lettera all’assessore Renata Briano in merito all’iniziativa regionale ‘Goletta Liguria’, il cui nome somiglia troppo a quello utilizzato nell’ormai famosa campagna ‘Goletta Verde’.

“Nelle scorse settimane, a seguito della conferenza stampa di presentazione della ‘Goletta Liguria’ avevamo chiesto di modificare il nome della campagna promossa dalla Regione Liguria per promuovere iniziative locali che riguardano il mare poiché, come verificatosi poi puntualmente, il suffisso ‘Goletta’ utilizzato avrebbe potuto creare confusione, richiamando facilmente alla nostra storica e ben nota campagna per la tutela e promozione delle acque di balneazione Goletta Verde”, si legge nella lettera.

Solo lo scorso 22 giugno infatti, veniva presentata presso l’Acquario di Genova, alla presenza dell’assessore regionale Renata Briano e in anteprima nazionale, la ventiseiesima stagione della campagna Goletta Verde di Legambiente che, dal 1986 monitora lo stato della costa italiana e della salute del mare, promuovendo le aree marine protette e le buone pratiche e che ha contribuito alla redazione della legislazione sulle acque di balneazione quando questa era completamente assente e che, in Liguria, ha sempre coinvolto l’istituzione regionale e l’ARPAL.

“Ci sembrava quindi inopportuna e poco comprensibile la scelta di un nome per un progetto nuovo e locale, che inevitabilmente richiamasse a una campagna tanto nota e amata dai cittadini. Nei giorni scorsi, infatti, abbiamo potuto verificare come in alcuni articoli di stampa quel nome abbia portato dei giornalisti a confondere e mischiare progetti e informazioni sull’una e l’altra campagna – si legge ancora nella lettera del presidente nazionale di Legambiente – Credo allora che sarebbe bene, per il futuro, cercare di non replicare l’errore, sia per evitare spiacevoli equivoci che per permettere al progetto ligure di camminare solo con le proprie gambe. Avendo finalità evidentemente differenti, la confusione tra le due campagne potrebbe infatti danneggiare l’immagine dell’associazione che ha inventato Goletta Verde oltre 25 anni fa”.