Quantcast
Cronaca

Giornata della Gioventù, tappa a Genova per i papaboys diretti a Madrid

Papa boys Genova

Genova. Prende il via oggi la 26esima edizione della Giornata mondiale della gioventù. Sono già migliaia i giovani arrivati nella capitale spagnola da ogni parte del mondo dove sono attesi oltre un milione di ragazzi, di cui circa 100 mila italiani.

Centinaia di ragazzi stanno partendo proprio in queste ore dal capoluogo ligure. Genova24.it ha incontrato alcuni di loro.

“Stiamo portando trecento ragazzi a Madrid”, spiega Giovanni, alla guida di circa 150 giovani provienienti da una parrocchia di Roma. “Sono tutti giovani alla ricerca della parola di Dio, il senso del pellegrinaggio è proprio questo. La loro felicità è fare la volontà di Dio, perchè si soffre facendo solo la propria”.

Per tanti giovani Madrid non sarà “la prima volta”. Sono tanti infatti gli “abituè” delle Giornate mondiali della gioventù. “Per me è la quarta volta”, spiega un giovane ragazzo di Roma. “La prima è stata a Colonia nel 2005. Mi aspetto che il Signore mi dia la gioia di vivere e mi ami come ha sempre fatto nella mia vita. Penso che il Papa ci accoglierà con amore, come ha sempre fatto”.

Tanti giovani sono alla ricerca di speranza e aiuto, dopo esperienze spesso difficili. “Io sono sposata e ho una bambina, e ho solo 21 anni”, spiega una ragazza. “Non è facile, mi aspetto che il Signore mi aiuti e mi guidi in tutte le decisioni difficili che dovrò prendere nella mia vita, soprattutto perchè a 21 anni non è una cosa facile”.

Il giorno clou è giovedì quando arriverà anche Papa Ratzinger, che rimarrà nella capitale spagnola per quattro giorni.

Quest’anno l’happening dei giovani cattolici è intitolato “Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede”, motto tratto dalla Lettera di San Paolo ai Colossesi contenuta nel Nuovo testamento.

Martedì nella capitale spagnola avrà luogo una manifestazione di protesta di indignados e associazioni laiche.

[album:418:l::l=d]

Più informazioni