Quantcast
Cronaca

Genova, bimbo di tre mesi morì dopo operazione al Gaslini: pm chiede archiviazione per i quattro medici

ospedale Gaslini

Genova. Secondo il supplemento della perizia del porfessore Luca Tajana, affiancato dal cardiochirurgo Antonino Grande di Pavia, non vi sarebbe stato nesso tra la condotta di quattro medici, accusati di omicidio colposo, e la morte del bimbo di tre mesi avvenuta all’ospedale Gaslini dopo un intervento cardiochirurgico. In virtù di questo il sostituto procuratore Stefano Puppo ha chiesto l’archiviazione per i sanitari.

I fatti risalgono al 27 aprile 2009 quando il piccolo, che era nato in febbraio ed era sofferente di una disfunzione introventricolare, fu ricoverato e operato al Gaslini. Subito dopo l’intervento il bimbo entrò in rianimazione e dopo due giorni, il 29 aprile, morì.

Il pm aveva già chiesto l’archiviazione del fascicolo, che era contro ignoti, in base al risultato della perizia del prof. Tajana. I genitori, assistiti dall’avvocato Francesco Errico di Chiavari, avevano fatto opposizione e il gip aveva trasmesso gli atti al pm chiedendo di approfondire le indagini. Erano stati così indagati i quattro medici e ordinato un supplemento di perizia.