Quantcast

Ferie d’agosto: per animali e piante arrivano i “pet and plant sitter”

cani

Affidare il cane, il gatto, il canarino, il pesce rosso, ma anche le piante del terrazzo o il prato del giardino a qualcuno di fiducia quando si parte per le vacanze.

Un problema per milioni di italiani in procinto di lasciare la città verso le località di vacanze che non accettano animali e dove si trascorreranno molti giorni senza poter dare sfogo al proprio ‘pollice verde’.

Ma si moltiplicano sul web le opportunità per assicurare il benessere di pet e fiori anche lontani da casa. Una volta era il portiere dello stabile accanto, oppure la vicina di casa.

O ancora, la figlia studentessa dell’amica in cerca di un lavoretto estivo per arrotondare. Oggi però basta un ‘clic’ per trovare il dog o cat-sitter, ma anche il ‘garden-sitter’ che fa per noi: su Facebook, in particolare, ci sono pagine di professionisti in tutte le città d’Italia.

Alcuni si ribattezzano ‘pets&plants sitter’, assicurando di poter gestire al meglio sia appartenenti al mondo animale, che vegetale. E sempre sul social network del momento si trovano numerose offerte di ‘ospitalità’ a cani, gatti e vasi di fiori nei periodo di vacanza, a patto che poi si ricambi il favore: il segreto è mettersi d’accordo sui periodo di ferie, alternandosi nella custodia degli animali e delle preziose piante.

Il tutto scandagliando la rete di ‘amici’ presenti su Facebook o collegandosi con altri ‘contatti’ segnalati da coloro di cui ci fidiamo. Dalle classiche pensioni ai veri e propri ‘asili’ per cani e gatti, le strutture presenti in tutta Italia garantiscono la possibilità di trovare un luogo sicuro e fidato dove lasciare gli animali da un giorno a un mese.

I costi variano a seconda dei servizi offerti e vanno da 15 a 50 euro al giorno.

Ma se si preferisce lasciare Fido o Micio in casa propria, per la sicurezza e la tranquillità che gli trasmette, è necessario avvalersi di una persona che gli faccia visita almeno una volta al giorno nel caso di un felino, e almeno tre nel caso di un cane. Ecco allora che il pet-sitter è la scelta migliore. Ma attenzione: occorre informarsi bene sulle sue referenze e prenotare per tempo il suo intervento, dato che agosto è uno dei mesi più fitti di lavoro per questi professionisti.

Per animali meno impegnativi, c’è anche chi approfitta dei colleghi che rimangono al lavoro in agosto: quelli che possono essere facilmente trasportati e accuditi in un ufficio, come i pesci rossi, troneggiano sulle scrivanie dei malcapitati impiegati estivi, incaricati di dare da mangiare e di cambiare l’acqua agli amati pesciolini, in cambio di un bel caffé al rientro dalle ferie dei legittimi proprietari dell’animale.

Più informazioni