Quantcast

Ex ospedale Martinez: tra abbandono, sprechi ed efficienza

Genova. Nel 2003 furono terminati i lavori di ristrutturazione dell’ex Ospedale Martinez a Pegli. Lavori dal costo di 1 milione e mezzo per il primo lotto: quattro piani in cui il poliambulatorio è tuttora funzionante ed efficiente.

Sono stati poi stanziati altri 3 milioni e mezzo per la ristrutturazione dei restanti piani, effettivamente – come documentano fotografie e video – in condizioni di totale disfacimento.

Nel febbraio dello scorso anno, però, sono state effettuate le selezioni per il conferimento dell’incarico per la progettazione di una nuova struttura che sorgerebbe a poca distanza dal Martinez, dismettendolo e destinandolo ad altre finalità.

L’incarico di responsabile dei lavori è stato affidato all’ing. Marco Bergia Boccardo (che lavora presso l’ Azienda sanitaria genovese n. 3), il miglior progetto per la nuova struttura è stato quello di Gabriella Innocenti, cui già furono attributi i lavori di ristrutturazione del 2003.

Il Consigliere regionale della Lista Biasotti, Aldo Siri, stamattina ha effettuato un sopralluogo per comprendere meglio la situazione. Si è trovato davanti a fatti noti: appunto l’abbandono dei piani superiori dell’edificio, e l’efficienza dei primi quattro. Si è trovato di fronte posizioni altrettanto note: il comitato sorto in favore della ristrutturazione dell’ospedale pegliese, posizione sostenuta anche da Antonio Russo medico responsabile del poliambulatorio, da una parte e l’architetto Gabriella Innocenzi e l’ing. Marco Bergia Boccardo dall’altra, che invece sostengono l’impossibilità di recuperare i piani superiori e la necessità di costruire il nuovo edificio.

In tutto questo il consigliere Siri è certo almeno di un fatto, già esplicitato nell’interrogazione presentata nei confronti dell’assessore regionale Claudio Montaldo: indipendentemente dalla fine che farà l’ex ospedale Martinez, si è di fronte a uno spreco di denaro. Siri e Lorenzo Pellerano chiedono infatti a Montaldo: “Come intenda giustificare l’inutile intervento del primo lotto, inutile poiché costato 1 milione e mzzo di euro e destinato a cessare già le attività”.

Sembrano esserci pochi dubbi anche su cosa pensi Siri del destino del Martinez, nonostante la vicinanza nei confronti delle posizione del comitato a favore della sua ristrutturazione: è necessario costruire una struttura nuova.