Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dinghy, Campionato del Tigullio: tre prove favorevoli a Gin Gazzolo

Santa Margherita Ligure. Alta pressione su tutta l’Italia, la previsione di ritorno del caldo e il periodo feriale non allontanano da Santa Margherita i dinghysti che dai primi di giugno si cimentano nel golfo nel Campionato del Tigullio.

Ad essi, questa volta, si sono agginunti Riccardo Papa (figlio ed accompagnato da Enrico) e Maurizio Manzoli con Signoria. Riccardo Papa era a bordo di Ita -65 Giannina recentemente restaurato da Patuccelli di Gargnano.

Gli affezionati del Golfo sono stati ricompensati da tre bellissime prove con vento regolare di tre / quattro metri al secondo saliti a cinque nell’ultima. Lillia Cuneo e Lidia Finollo, come se sempre coadiuvate sui mezzi di assistenza da Angelo Campodonico e Gianni Sala, hanno completato l’opera facendo disputare le prove in programma nel giro di tre ore, portando così a sedici le prove disputate in sei giorni di regate. In pratica quasi sempre tre prove al giorno (2,67 di media).

Nella prima prova boa per 170, mare calmo, onda da motoscafi incrociata e difficile. In partenza i più pronti sono Samele e Penagini che cercano di fuggire virando appena possibile mura a sinistra. Ottima partenza anche di Riccardo Papa mentre il laeder del classifica Jannello sembra attardato anche se naviga sopravvento al gruppo. Samele e Penagini (quante volte si sono sfidati nel golfo cercando di indovinare cosa stia pensando l’altro nello stesso momento…) iniziano una serie di incroci e di virate col risultato di spingersi in spalla oltre il limite della lay line.

Dell’errore ne approfitta subito Jannello che riesce a prendere poi la boa dieci lunghezze prima di Samele e Penagini, mentre Papa e Gazzolo da sottovento si avvicinavano ai primi. In poppa Jannello consolida il vantaggio mentre nella seconda bolina Penagini supera Samele che viene raggiunto da Gazzolo. In poppa Samele e Gazzolo appaiati iniziano un gioco di strambate portandosi all’orza: immediatamente ne approfitta Pinne che li supera alla boa di poppa.

Vince meritatamente Jannello, seguito da Penagini (risultato poi ocs per essere uscito al minuto e rientrato ma non dagli estremi). Secondo è Pinne Oneto, terzo è Gazzolo, quarto Samele, quinto è il bravo Papa junior, sesto Fabio Pardelli, settime Baffina e Francesca tornate veloci con vento leggero, ottavo Gianni Fabbro. Ocs usciti al minuto e rientrati Luca Manzoni e Carlo Pizzarello. Secondo dei classici Maurizio Manzoli con problemi di picco con aria leggera.

Pochi minuti e si riparte per la seconda prova. Penagini, Jannello e Falciola riescono a pendere il lato destro e navigare mure a sinistra per poi con una virata andare in boa. Vira Penagini e immediatamente vira Janello che inesorabilmente, da sottovento, complice una leggera rotazione, riesce in boa a precederlo con Falciola che da terzo incomodo gira primo. In poppa Penagini raggiunge e supera Jannello mentre Falciola in poppa incappa in un buco di vento e viene superato anche da Gazzolo. Nella bolina successiva Jannello inesorabile supera Penagini e vince la regata.

Terzo è Gazzolo, sempre concentrato e regolare, quarto è Falciola, quinto è Manzoni tornato molto veloce anche se febbricitante, sesto Samele, settimo Eufemi, ottavo Oneto, nono Papa primo dei classici, decime Baffina – Francesca.

Nella terza prova la sfortuna blocca Jannello: una vite del grillo che regge la puleggia dell’archetto si sfila in partenza e Filippo si attarda a sostituire l’incrocchio. Il vento è salito di intensità e Maurizio Manzoli ritrova subito il passo della sua barca. Con Jannello attardato nelle retrovie questa volta Penagini riesce a girare la boa primo con attaccati Manzoli e Samele, che alla fine della poppa riesce a ingaggiarsi e girare la poppa primo.

Nella bolina successiva Aldo, benché attaccato sia da Penagini che da Manzoli, riesce a mantenere la prima posizione e in poppa raggiunto e superato da Penagini riesce a mantenere l’ interno alla boa di poppa e vince (bravissimo tatticamente) la prova. Secondo Penagini, terzo Manzoli (primo classico), quarto Gazzolo, quinto Papa, sesto Nico Rainusso puntuale come sale il vento, settimo Fabio Pardelli, ottavo Falciola. Baffina e Francesca solo diciannovesime ma il vento (e l’ assetto da vento leggero che va modificato) ha condizionato il loro risultato.

La classifica sulle tre prove vede questa volta primeggiare Gin Gazzolo davanti ad Aldo Samele. Un successo meritato che premia l’alfiere della Lega Navale di Santa Margherita Ligure. Bellissime prove ha disputato Riccardo Papa quarto in generale: bravo ed attento in regata ha dimostrato di aver capito subito la barca, anche se sul Dinghy è stato un esordio. Si replica domenica 4 settembre e poi via tutti a Scarlino per il campionato italiano.