Quantcast
Economia

Crisi libica, Confartigianato Liguria: “Speriamo una ripresa dei contratti e degli appalti”

Luca Costi confartigianato

Liguria. “L’evolversi della situazione nel paese Nordafricano lascia comunque qualche speranza di ripresa. La speranza forte è che il nuovo Consiglio Nazionale Transitorio possa riconoscere al più presto il trattato italo-libico siglato nel 2008 e permetta la ripresa dei contratti e degli appalti”. Questo l’auspicio del segretario di Confartigianato Liguria, Luca Costi sulla situazione in Libia che, dall’inizio del conflitto, ha causato il blocco degli appalti di molte imprese e talvolta delle merci.

“Sono una trentina le imprese liguri che, prima dell’inizio del conflitto interno, avevano avviato proficui scambi commerciali. Una ventina di queste, operanti nei settori della nautica e dell’impiantistica – spiega Costi – avevano costituito il consorzio Cins che si era aggiudicato la commessa per la ristrutturazione del Porto di Zuwarah, a circa 30 chilometri da Tripoli. Cinque milioni di appalto che sono stati, ovviamente, sospesi e che hanno messo in seria difficoltà le aziende impegnate nella commessa”.