Quantcast
Economia

Crisi economica: a Genova, Firenze e Palermo le famiglie sono più felici

soldi

Genova. In Italia le famiglie più felici vivono a Genova, Firenze e Palermo. Questo è quanto emerge analizzando L”indice della felicita” stimato su redditi e spesa, che varia da regione a regione. Se in Lombardia servono almeno 1.500 euro per non essere infelici, come in Veneto e in Emilia Romagna, si scende a 1.000 euro per la Campania e bastano 900 euro in Sicilia.

Quindi, secondo uno studio della camera di Commercio di Monza e Brianza, basato su dati Istat e del Ministero dell’Economia, le famiglie vivono più ‘felici’ a Firenze, Genova e Palermo. Nel capoluogo toscano solo il 18,9% delle famiglie è al di sotto della soglia della felicità, a Genova il 21,1% e a Palermo il 21,8%.

I soldi – sottolinea lo studio – non fanno la felicità, eppure in questo periodo di crisi il giudizio e la percezione del proprio benessere è influenzato principalmente dal reddito: in Lombardia, per esempio, solo se le entrate al mese per famiglia sono comprese tra i 1.500 euro e i 2.000 euro si può pensare di essere ottimisti. L’indice della felicità, varia da regione a regione: se in Lombardia occorrono, quindi, almeno 1.500 euro per non essere infelici, come in Veneto e in Emilia Romagna, in Piemonte la soglia è di 1.400 euro, servono 1.300 Euro per la Toscana ed il Lazio, 1.200 per la Liguria.

La soglia scende fino a 1.000 euro per la Campania e bastano 900 euro in Sicilia. In particolare, analizzando alcuni capoluoghi, le famiglie italiane vivono meglio a Firenze, dove solo il 18,9% delle famiglie è al di sotto della soglia della felicità. Il capoluogo toscano precede Genova (21,1%) e Palermo (21,8%). A Napoli le famiglie infelici rappresentano il 22,8% del totale. A Milano, Bologna e Roma è infelice circa una famiglia su quattro, rispettivamente il 23,8%, il 24,2% e il 25,2%. A Torino e a Verona la felicità costa davvero cara: è infelice il 27,2% e il 27,6% delle famiglie.