Quantcast
Politica

Corso Italia, Farello: “Quella dei parcheggi è un’innovazione positiva”

simone farello

Genova. Genova e i genovesi sono piuttosto refrattari al cambiamento. Lo sono ancor di più per quello che riguarda il traffico e la viabilità. Effettivamente però, il riordino di Corso Italia con l’introduzione e nella corsia che va verso Levante di parcheggi a pagamento è stata comunque una mossa rischiosa.

Lo sapeva anche l’assessore alla mobilità urbana Simome Farello che ammette: “Si aspettavano polemiche, ma i risultati dal punto di vista dell’erogazione del servizio sono positivi, visti gli alti tassi di occupazione dell’area blu, si è dimostrata l’esigenza di aumentare la potenzialità di sosta in un’area fortemente attrattiva durante la stagione estiva. I disagi – aggiunge – sono sostenibili”.

Rimane ancora aperto il nodo legato al mercato del sabato sera, per il quale Farello annuncia: “Chiederemo agli utenti di sgomberare le aree di sosta alle 19 e non più alle 16”.

“Questa inziativa”, prosegue Farello “può avere i suoi limiti ma va vista nella prospettiva di una città che se vuole puntare sul turismo non può pensare di avere solo al Porto antico e al centro storico ma anche a un fronte mare da vivere anche la sera”.

“Spero che i genovesi si abituino a utilizzare il mezzo pubblico anche con interscambio – auspica poi l’assessore all’ mobilità -. Noi come amministrazione ci stiamo lavorando ma allo stesso tempo dobbiamo dare dei servizi”.

Soddisfatto Fabio Orengo, presidente del municipio Medio Levante che ha concordato con il Comune questa variazione: “con il comune abbiamo collaborato bene al di là del colore politico. Quando si prendono delle decisioni non si accontenta tutti ma noi sottolineiamo il gradimento dei commercianti, delle stazioni balneari e anche dei residenti che trovano più facilmente libero il proprio parcheggio”. Orengo non dimentica però che dal 5 settembre tutto ritornerà come prima.

Le cifre fornite dal comune parlano di un’occupazione del parcheggio in orario diurno dell’80%, statistica che sale al 100% dal venerdì alla domenica.