Quantcast
Sport

Calcio, un brutto Genoa vince 3 a 2 contro l’Acqui

Acqui Terme. Diciamolo subito: quello che ha battutto per 3 a 2 l’Acqui Terme è stato un brutto Genoa, svogliato, come si dice in gergo sportivo “sulle gambe” e pasticcione.

Ricordiamolo subito dopo: è solo un’amichevole precampionato, siamo ancora nel bel mezzo di agosto. le sfide ufficiali sono ancora molto lontane.

Male la linea difensiva, che eccezion fatta per l’assenza di Dainelli sembrava potesse essere quella titolare. Come annunciato il Genoa parte con un 4-3-1-2, Frey in porta alla prima rossoblù, Rossi, Granqvist, Kaladze, Moretti sulla linea difensiva, Kucka, Seymour, Constant i tre di centrocampo, Birsa e le punte Ribas e Jorquera.

Il Genoa è andato in svantaggio già al 9′ minuto: topica di Granquist, fallo da rigore e trsformazione di Trimarco. Il Genoa, con lentezza, reagisce ma spesso rischia in contropiede. E infatti, al 20′ subisce clamorasamente il secondo gol con Martucci.

Il primo gol del Genoa arriva nel primo tempo al 38′, azione personale del capitano, palla in mezzo comoda per Ribas che appoggia in rete per il pareggio.

Nel secondo tempo entrano prima Merkel per Constant, poi Maisto per Kucka. Insomma fuori due tra i giocatori più attesi. Ancora lontane dall’ottimale le loro prestazioni e sicuramente ancora da costruire la loro intesa.

Ritmi blandi ma al 32′ arriva il pareggio con Ribas, che si mostra svelto in area di rigore. Il gol della vittoria arriva 8 minuti dopo ad opera di Seymour, che forse fa la cosa migliore dell’intera partita.

La partita finisce 3 a 2 tra i fischi dei molti tifosi rossoblù accorsi. Un lato positivo c’è: i nuovi arrivati hanno già conosciuto e capito cosa i tifosi del Grifone pretendano dalla squadra.