Quantcast
Sport

Bagno di folla per Frey: “Voglio finire la mia carriera a Genova”

Genova. E’ cominciata con un bagno di folla l’avventura genovese di Sebastien Frey, nuovo portiere del Genoa apparso motivatissimo nella sua prima conferenza stampa da rossoblù oggi a Villa Rostan.

“Sono qui e cercherò di dare il massimo”: ha esordito il neoacquisto rossoblù. Sebastien Frey dice di aver scelto il Genoa proprio perché non si poteva rifiutare la chiamata di una società così ambiziosa e di un Presidente come Enrico Preziosi, che ha dimostrato tutta la volontà di averlo voluto a Genova.

Frey ha parlato della Fiorentina, dell’affetto per la squadra. Chiaro, ora devi farsi perdonare per quelle due parate nel famoso tre a tre contro la Fiorentina che ha fatto svanire il sogno champions per il Grifone.

“Con Dainelli ci siamo sempre sentiti, quando ho capito che c’era la possibilità di venire in questa piazza, l’ho chiamato, è un grande amico e ci siamo sentiti: mi ha detto che al Genoa mi sarei sentito subito a casa: aveva ragione”.

Contratto lungo, con obiettivi legati all’Europa: “Quando il Presidente mi ha fatto questa proposta non ci ho pensato molto, io ho 31 anni ma ho voglia di andare avanti. Dopo un contratto del genere, sì, se le cose andranno bene, potrebbe essere la mia ultima squadra. Potrei finire la mia carriera a Genova”.

Nonostante le domande esplicite, Frey non ha voluto entrare nei dettagli del contratto: “Gilardino è un amico, ma non sono il suo procuratore e non so dirvi niente. In questo periodo ho pensato solo a me e ho voluto chiudere al più presto, il resto non mi riguarda”.

Qualche parola ancora sulla fine del rapporto con la Fiorentina: “Mi hanno sempre trattato da grande giocatore, esattamente come ha fatto Preziosi. Per questo ringrazio loro, come ringrazio Preziosi. Alla fine però era giusto fare questa scelta, certo sono amareggiato per come è andato l’ultimo ritiro. Siamo tutti contenti, forse loro si sono sgravati di un peso”.

“E’ inutile prendersi in giro con la storia dell’attaccamento alla maglia, alla fine non basta, non ho niente alla Fiorentina e ho tutto da dimostrare al Genoa, voglio far capire che la voglia è tanta, e voglio dimostrare che sono uno dei più forti portieri del campionato italiano, se non il più forte portiere del campionato”.

Una battuta anche sull’allenatore Alberto Malesani: “Ci siamo sempre incrociati, quando andava via lui arrivavo io, finalmente ci incontriamo. E’ un ottimo allenatore e il progetto è davvero affascinante”.

Esattamente come il Presidente Preziosi, poi, non ha voluto fare pronostici, né promesse: “Faremo un grande campionato”.