Quantcast
Politica

Scorporo Da Vinci-Cassini: l’assessore Rossetti replica al consigliere Pellerano

Pippo Rossetti

Regione. “Il consigliere Pellerano fa confusione tra competenze regionali e provinciali, senza contare che, per strumentalizzazione politica, fa finta di non conoscere la riforma scolastica”. E’ la replica dell’assessore regionale all’Istruzione, Pippo Rossetti.

“La manovra del Governo prevede che siano assunte dal consiglio provinciale, come del resto fatto a Savona, Spezia e Genova. Per non mancare di considerazione sulle singole realtà territoriali scolastiche dobbiamo fare il punto entro ottobre. La Regione non assumerà decisioni prima di ascoltare enti provinciali. Quindi il consigliere Pellerano fa anche un errore di tempistica”, precisa Rossetti.

Stamani il consigliere Pellerano aveva stigmatizzato l’assenza di interesse da via Fieschi sulla sorte dei due licei genovesi Da Vinci e Cassini. “Voglio rassicurare il Da Vinci e il Cassini – afferma l’assessore – che i parametri sul dimensionamento della rete scolastica saranno analizzati alla luce delle esigenze locali interpretando la normativa. Puntualizzo che la Region è stata scavalcata in modo improprio dal Governo. Quindi si pone l’esigenza di ridiscutere i numeri che sono stati spostati in avanti dalla manovra”.

La sorte degli istituti scolastici dipende dall’entità dei numeri degli iscritti che, se meno di 500 in aree dell’entroterra o 1000 nelle aree urbane, verranno trasferiti, in istituti comprensivi. “Ho convocato per agosto i rappresentanti di Anci, Provincia e Provveditorati per ridiscutere e approfondire i parametri che, ripeto, sono stati dettati dalGoverno senza alcuna considerazione per la sfera di competenza regionale”, conclude l’assessore Rossetti.