Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rifiuti da Napoli, Burlando ribadisce le sue condizioni: continua il gelo con la Vincenzi

Genova. Le parole di Claudio Burlando rilasciate sull’affaire rifiuti durante una pausa del consiglio regionale appaiono ferme, chiare e in qualche modo inequivocabili. Inequivocabili nel rafforare la polemica a distanza che lo divide da Tursi e dal primo cittadino Marta Vincenzi.

Burlando, infatti, ha voluto confermare la sua posizione in attesa, domani, dell’incontro con il Ministro dell’ambiente: “Io pongo alcuni problemi, poi dipenderà da quello che mi risponderanno. Abbiamo posto un problema per così dire locale – e qui il riferimento al Comune è evidente – quello che è ncessario aprire questa strada, quella che porta a Scarpino, dopo un investimento così rilevante, adesso deve essere utilizzato e non aspettare ulteriore tempo, Borzoli vive già in pessime condizioni”. Ricordiamo infatti che l’ok per far partire l’utilizzo della strada spetterà proprio all’amministrazione comunale.

“E poi poniamo l’attenzione sulle due aziende liguri che sono state impegnate a Napoli – ha proseguito Burlando – e secondo loro non sono state pagate. Ascolteremo queste risposte, domani e nei prossimi giorni e poi vedremo. Noi abbiamo dato un contigente minimo che può essere già usato – altra stoccata agli obiettivi molto più consistenti che si è posta Marta Vincenzi nell’aiuto da dare a Napoli e al suo sindaco Luigi De Magistris – per quanto riguarda l’arrivo dei rifiuti non è una decisione nostra, le due aziende si metteranno d’accordo”.

“Comunque il 19 luglio ci sarà un dibattito sia sull’ecotassa sia sui rifiuti di Napoli – ha concluso Burlando – :sull’ecotassa il Consiglio regionale ha dei poteri, sui rifiuti no, ma non si può privare il nostro diritto di dibattere su questo argomento”. L’ultima stoccata.