Quantcast
Cronaca

Ribaltamento a mare Fincantieri, Landini (Fiom): “Utile solo se all’interno di un giusto piano industriale”

Blocco Fincantieri 29 giugno

Genova. “Interi pezzi del nostro settore industriale e manufatturiero rischiano di sparire e tutto questo non aiuta certamente ad uscire dalla crisi”. Lo ha detto Maurizio Landini, segretario generale Fiom, oggi a Genova con i giovani delegati del sindacato. “In Confindustria hanno responsabilità precise per questa situazione e penso che un intervento dovrebbe cominciare a ridistribuire i redditi. I Referendum hanno dato indicazioni precise, basate su beni pubblici e nuove energie rinnovabili”.

Landini ha parlato anche del ribaltamento a mare di Fincantieri, facendo alcune precisazioni. “Un mese e mezzo fa l’azienda ha ritirato un pessimo piano industriale, ma non siano di fronte a niente di nuovo – ha detto – Il ribaltamento è positivo, ma solo se sta dentro a un piano industriale che ancora non vediamo”.

“Bisognerebbe alle autostrade del mare, a produrre non solo navi da crociera e militari, ma anche di altri tipi di imbarcazione, ad esempio che non inquinano – ha continuato Landini – Occore trovare una dimensione europea, ma anche qui il Governo è molto in ritardo, anzi è stato semplicemente uno spettatore. Chiederemo la ripresa di tavolo vero perché ci sia piano industriale di sviluppo e non di taglio per la cantieristica del nostro paese”.