Quantcast
Cronaca

Inaugurazione strada per Scarpino: si parla subito di rifiuti da Napoli

Genova. Durante l’inaugurazione della nuova strada per la discarica di Scarpino, non si poteva evitare di parlare di rifiuti provenienti da Napoli. “Aiutare Napoli significa combattere la camorra – ha esordito il primo cittadino di Genova, Marta Vincenzi – il capoluogo campano, infatti, non ha problemi per l’incompetenza dei suoi amministratori, ma per la presenza della malavita. E’ per questo che noi abbiamo deciso di dare il nostro aiuto incondizionatamente. Ora la decisione spetta alla Regione”.

Di fianco alla sindaco, c’era anche l’assessore regionale all’Ambiente, Renata Briano, che in merito ai rifiuti napoletani ha dichiarato: “Con il tempo accoglieremo tutte le 20 mila tonnellate previste, però vogliamo avere delle garanzie dal Governo sui punti in cui insistiamo da sempre”.

Come ha ribadito più volte il governatore della Liguria Claudio Burlando, infatti, la Regione accoglierà ulteriori tonnellate di rifiuti napoletani, a condizione che vi sia la predisposizione di un piano campano per uno smaltimento autosufficiente, la solidarietà delle altre regioni e il saldo dei crediti dovuti alle due aziende liguri, Fisia Italimpianti e Lavajet, che hanno lavorato al termovalorizzatore di Acerra, ma che non essendo state pagate rischiano la chiusura.