Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, Settimana dei diritti: domani “Il mondo di Rosanna Benzi” e la Banda di Caricamento

Più informazioni su

Genova. Domani, alle ore 11.00, in Piazza della Vittoria, Arco dei Caduti, il sindaco Marta Vincenzi inaugurerà il Giardino dei Giusti, un giardino dedicato ai “Giusti tra le nazioni” che, nel mondo, hanno messo a repentaglio la propria vita per salvare vite umane da persecuzioni razziali.

Tre gli alberi che saranno dedicati ad altrettanti “Giusti” con una targa che recita: “Ai testimoni del genocidio in Rwanda portatori di memorie e di pace”, “A chi dedica la vita a denunciare la strage silenziosa di donne a Ciudad Juarez” e “Ai giornalisti russi caduti per fare il loro dovere”.

Con questa iniziativa, Genova coglie l’appello, lanciato dal Presidente del “Comitato per la Foresta dei Giusti”, il saggista e giornalista Gabriele Nissim, di istituire in tutto il mondo i Giardini a memoria di etstimoni di giustizia e di difesa dei diritti.

All’inaugurazione saranno presenti Yolande Mukagasana, Anabel Hernandez, Sandra Rodriguez Nieto e la figlia di Anna Politkovskaya, la giornalista uccisa nel 2006 a Mosca, Vera Politkovskaya.

Nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, alle 12.00, nel corso dell’iniziativa intitolata al “La collina dei Giusti in Rwanda”, le giornaliste Emily Backus e Kirstin Hausen, e l’attrice e manager culturale Carla Peirolero intervisteranno Yolande Mukagasana, candidata al Premio Nobel per la Pace 2011. L’incontro avverrà con la collaborazione di “Benerwanda Onlus”.

Prima dell’incontro Vera Politkovskaya, Yolande Mukagasana e Sandra Rodriguez Nieto
riceveranno la cittadinanza onoraria dal Comune di Genova con le seguenti motivazioni:
“Vera Politkovskaya rappresenta con la sua testimonianza incessante nel mondo in ricordo della madre Anna, l’amore per la libertà di informazione fino alla morte e la battaglia per un giornalismo libero da ogni potere nella Russia contemporanea”.

“Yolande Mukagasana testimonia al mondo, in ogni forma possibile, il genocidio rwandese e una guerra dimenticata, coltiva la memoria della tragedia con grande forza morale e spirito di pace che le sono valsi la candidatura al premio Nobel per la pace 2011”

“Sandra Rodriguez Nieto rappresenta con la sua continua denuncia dal Diario di Juàrez la resistenza coraggiosa del Messico civile e soprattutto delle donne della sua città contro la violenza assassina dei narcos”

Alle 17.00, Diritti difficili: Presentazione del libro “Il mondo di Rosanna Benzi” di Saverio Paffumi (Aba editore, 2011). Partecipano Andrea Ranieri, Franco Bomprezzi, Luciano Seddaiu e Giovanna Rossiello. Conduce Gianfranco Sansalone. Letture a cura dei ragazzi dell’Istituto Nino Bergese di Genova.

Alle 18.30 nel cortile di Palazzo Tursi, Essere Giusti in Messico. Saranno presenti all’incontro le giornaliste Sandra Rodriguez Nieto e Anabel Hernandez, e il Presidente dell’Associazione MUCD (Messico Unito Contro la Delinquenza) Eduardo Joaquín Gallo y Tello. Conduce Cynthia Rodriguez, corrispondente del settimanale Proceso.

Alle 21.00, in occasione del 50° anniversario del processo Eichmann e in collaborazione con “Comitato per la Foresta dei giusti – Gariwo Onlus”, La banalità del Male da Hannah Arendt. Il monologo, adattato da Paola Bigatto, verrà interpretato dall’attrice che nel 2003 debuttò con questo spettacolo.

Alle ore 22.00 verrà presentato “La pena di morte nel mondo”, il reportage realizzato da Giorgio Fornoni.

Alle 23.00 inizierà il concerto della banda di piazza Caricamento, una banda nata nel 2007 e composta da giovani immigrati provenienti dai diversi continenti.

Per la rassegna Filmdiritti, alle 21.15, il Cinema Sivori proietterà Bordertown, per la regia di Gregory Nava, interpretato da Jennifer Lopez, Antonio Banderas, John Norman, Kate del Castillo, Irineo Alvarez, Juan Diego Botto, Sonia Braga.