Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, rapinò banca e telefonò per chiedere scusa: il gip non convalida il fermo

Più informazioni su

Genova. Disoccupato e senza casa. Il rapinatore maldestro, arrestato nei giorni scorsi per il colpo alla banca Intesa di piazza Brignole, ha raccontato al gip di aver compiuto la rapina, poco più di 5000 euro, perché doveva pagare l’affitto dell’appartamento della sua compagna ma che era sua intenzione costituirsi.

Il 48enne genovese era entrato in banca mostrando un pacco e sostenendo che all’interno vi fosse una bomba, ha intimato al cassiere di consegnarli il denaro che era in cassa e poi ha preso in ostaggio la direttrice per coprirsi la fuga. Liberata la donna è fuggito ma, poco dopo, preoccupato per le sue condizioni, ha telefonato con il suo cellulare chiedendole scusa, ed è stato subito intercettato e arrestato. Il gip Ferdinando Baldini non ha convalidato il fermo ma ha applicato la misura della custodia in carcere per l’uomo.