Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, balneazione: rientrato l’allarme Escherichia Coli a Nervi e Priaruggia

Genova. E’ rientrato L’allarme per la presenza di escherichia coli, il batterio che secondo le rilevazioni dell’Arpal aveva superato i limiti di legge. Quindi non ci sarà nessun divieto di balneazione nelle acque di Nervi e Priaruggia.

Gli ultimi accertamenti, infatti, hanno evidenziato il rientro nei limiti del batterio, ma nuovi esami saranno comunque effettuati nelle prossime ore. I risultati sono attesi per mercoledì mattina. Se nel levante l’allarme sembra ridimensionato, l’agenzia regionale per l’Ambiente segnala una non conformità per le spiagge di Voltri, nella zona del torrente Leira, e di Cogoleto dove la presenza dei batteri fecali è risultata fuori dalla norma.

“Le acque di Priaruggia e di Nervi sono balneabili”. Lo ha reso noto in un comunicato Carlo Senesi, assessore del Comune di Genova a Gestione Ciclo dei Rifiuti Urbani, graffiti e discariche precisando che “Arpal effettua costantemente analisi a campione dell’acqua marina”. A un primo esame, forse per “il verificarsi di particolari condizioni climatiche associate alla presenza occasionale di fattori inquinanti”, era stata rilevata una “concentrazione di Escherichia coli fuori normà. Ma al secondo esame, 72 ore più tardi, Arpal ha rilevato “l’assenza di elementi inquinanti pericolosi, pertanto “le acque di Priaruggia e di Nervi sono balneabili”. Nel caso di inquinamento fuori norma dopo il primo esame, il Comune emette ordinanza di temporanea interruzione della balneazione. Il Comune di Genova ha ricordato che si è in attesa dei campionamenti di controllo delle acque nell’area del litorale denominato ‘Castello Genovese’, ad ovest dello sbocco del torrente Leira a voltri. “Le rilevazioni parzialmente negative effettuate in questi giorni dimostrano – conclude la nota – come il sistema di campionamento in atto sia un efficace strumento per salvaguardare la salute dei cittadini”.