Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fondi alluvione: le modalità per ottenere il contributo a fondo perduto foto

Sestri Ponente. “Il tentativo su cui abbiamo lavorato con il presidente Burlando era di far considerare eccezione rispetto agli altri questo contributo con risarcimento, ma la Protezione Civile e la Corte dei Conti hanno detto no” ha spiegato il segretario della Camera di Commercio genovese, Maurizio Caviglia, interrotto più volte dalle proteste dei commercianti nell’incontro pubblico in Municipio a Sestri Ponente. “Un no formale”, ha aggiunto Burlando cercando di pacificare gli animi.

Dei fondi previsti per coprire i danni dell’alluvione che il 4 ottobre ha colpito Sestri Ponente, sono infatti arrivati 25 milioni su 45 previsti per il 2011, gli altri 20 arriveranno nei prossimi giorni, mentre la seconda tranche è attesa per il 2012, “mi auguro all’inizio”, ha commentato il presidente Claudio Burlando.

“Dovremmo soddisfare grandi esigenze, e non sarà possibile coprire tutto. Per questo abbiamo deciso di rifondere il 40% con un massimale, che è lo standard europeo, di 200 mila euro. Chi ha subito danni, riceverà il 20% nei primi giorni della settimana prossima, l’altro 20% ad inizio 2012”. Più che a coprire i danni i fondi serviranno per l’acquisto discorte, o per i lavori fatti.

Secondo quanto spiegato da Caviglia, gli esercenti possono ottenere il contributo del 40 % sul danno, facendo un’autocertificazione e allegando una perizia in caso di danno superiore ai 25 mila euro. A cui andrà ulteriormente allegata la procedura delle spese effettuate.

I commercianti già in possesso di fatture quietanziate, riceveranno il 50% dei finanziamenti quest’anno e il restante l’anno prossimo. “Per chi invece non avesse ancora le fatture quietanzate, abbiamo chiesto la possibilità di un’anticipazione sulla base di una garanzia fornita attraverso il sistema dei Confidi”. Solo in presenza di garanzia, la Protezione Civile provvederà, infatti, ad erogare l’anticipazione pari al 20%, la metà cioè del 40%, pattuiti come risarcimento per i danni dichiarati dalle aziende. Inoltre, ha spiegato il segretario generale, gli operatori hanno tempo fino al 31 dicembre 2012 per presentare ulteriori fatture, datate dopo il 4 ottobre e sempre comprese nella soglia totale dichiarata con il modello E.

Dopo un incontro di oltre due ore, il presidente della Regione Claudio Burlando, in veste di Commissario straordinario per l’alluvione, ha accolto la richiesta dei sestresi di leggere la bozza del decreto per erogare i fondi prima della firma del documento. Il presidente era pronto a firmare il decreto già oggi per accelerare i tempi ma ha preferito avere l’intesa piena con chi ha subito i danni.

Non solo in virtù della protesta, sono diverse le iniziative previste per andare incontro ai commercianti. Paolo Odone ha annunciato che la Camera di Commercio rimarrà aperta fino ad agosto, proprio per attivare le pratiche e riuscire a erogare il 50% del finanziamento entro settembre.

L’altra inziativa è quella di aprire un ufficio decentrato in Municipio a Sestri proprio per creare un rapporto di prossimità con i sestresi che hanno subito danni e che non saranno costretti a muoversi ogni volta fino nel centro cittadino.