Quantcast
Cronaca

Fiera di Genova, Armella: “Da spazio poco vissuto, a motore di sviluppo della città”

Sara Armella

Genova. Dopo due anni di bilancio in perdita, il rilancio della Fiera di Genova passa attraverso il rinnovamento del consiglio d’amministrazione, da cui oggi sono uscite ufficializzate le nomine di Sara Armella, presidente, e di Beppe De Simone nuovo amministratore delegato dell’Ente.

“Un incarico che mi onora – ha commentato Armella – e che affronterò con senso di responsabilità e umiltà. Abbiamo davanti un grande lavoro per ricostituire il rapporto tra la Fiera e la città”. In primis il piano industriale che “servirà come strumento per il rilancio e il rinnovamento” auspicato a più voci. “Non potremo aprire tutto l’anno, ma allargare l’offerta è uno degli obiettivi fondamentali”. Nella nuova era “Armella-De Simone”, la Fiera, da spazio poco vissuto e circondato da barriere, aspira a diventare “vetrina per le nostre aziende, nuovo spazio fruibile per i genovesi e motore di sviluppo per la città”. Dal Salone Nautico all’Expo 2015, la linea del rilancio sarà dettata dalla capacità di potenziare l’offerta, avvicinare e attrarre nuovi investitori, diventando parte attiva anche nel rilancio turistico della città.

“L’idea è quella di creare eventi collaterali in concomitanza con quelli che si collocheranno in Fiera, per far conoscere al meglio le potenzialità del nostro territorio e per rinsaldare il legame con la città, spesso in affanno. “Con l’amministratore delegato, che ha già maturato una notevole esperienza con la Fiera di Parma, lavoreremo molto in questo senso: la settimana prossima definiremo gli obiettivi strategici e porteremo avanti uno studio approfondito. I settori sono molti – conclude Sara Armella – dall’eccellenza locale al rapporto con l’Expo di Milano, con un occhio di riguardo alla nautica e alla portualità”.