Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Escono dalla discoteca, rubano 4 bici e 1 pedalò per tornare in stazione: arrestati 6 genovesi

Più informazioni su

Noli. Hanno trascorso una spensierata serata in discoteca, al Bajda di Noli, facendo le ore piccole. Intorno alle 5 di questa mattina per un gruppetto di ragazzi genovesi, di età compresa tra i 17 e i 20 anni, si è però posto un problema. Come fare ritorno alla stazione ferroviaria di Savona, dove prendere il treno per rientrare al capoluogo?

Le ragazzine della compagnia, in maniera più avveduta, hanno chiamato un taxi e sono giunte in tempo per il primo treno della giornata. I ragazzi, di fronte alle possibili scelte di scarpinare o spendere soldi per il taxi, hanno scelto altre due vie alternative. Due di essi hanno rubato un pedalò da uno stabilimento balneare adiacente al locale notturno e, entrati in acqua, si sono diretti verso Savona. Altri quattro hanno optato per il furto di altrettante biciclette sul lungomare e si sono messi a pedalare lungo la via Aurelia.

Una persona si è però accorta del furto del pedalò e ha allertato i carabinieri. Pronto anche l’intervento della Guardia Costiera di Savona che, con una motovedetta, ha intercettato i due giovani in mare all’altezza di Bergeggi. Gli uomini della Capitaneria di Porto li hanno accompagnati a riva, dove li stava attendendo una pattuglia del Nucleo Radiomobile dei carabinieri di Savona che, coordinati dal capitano Orlando Pilutti, erano immediatamente giunti sul posto.

A Bergeggi si è fermata anche la corsa degli altri quattro ragazzi genovesi. Mentre stavano arrancando sulla salita del capo, all’altezza dell’isola, sono stati affiancati e bloccati da un’altra pattuglia dei carabinieri di Savona.

I sei giovani, cinque italiani e un ecuadoriano, tutti residenti a Genova, sono stati condotti in caserma. Uno di essi, in quanto minorenne, è stato denunciato a piede libero. Gli altri cinque sono stati arrestati. Si trovano ora nella casa circondariale Sant’Agostino, dove sono in attesa del processo per direttissima, che avrà luogo domani mattina.