Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Criminalità organizzata: l’appello di Legambiente contro le infiltrazioni mafiose

Genova.Il grido d’allarme fu lanciato più di un anno fa dal sindaco Marta Vincenzi e c’è chi si stupì. Poi fu anche il turno di Roberto Saviano, che a ottobre presente Genova per ricevere una laurea honoris causa espresse senza infingimenti tutta la sua preoccupazione per le infiltrazioni malavitose in Liguria.

Da la cronaca ha raccontato di molti arresti, di indagini, che non hanno riguardato solo l’estremo ponente ligure, ma che sono arrivate nel cuore del capoluogo. Legambiente Liguria a questo punto non può che invitare a non abbassare la guardia.

“Una mobilitazione di società civile, partiti, liste civiche, delle città, serve indignazione, prendere atto che il problema c’è e non si deve tener la testa sotto la sabbia. Dobbiamo indubbiamente manifestare il nostro sostegno alla magistratura e contestualmente costruire un progetto di città che ne impedisca l’infiltrazione di capitali ‘sporchi’ all’ interno: delle nostre amministrazioni, dei servizi pubblici, dell’imprenditoria del territorio”, sottolineano in una nota Stefano Sarti e Massimo Maugeri. Ma due punti sono fondamentali in questo senso: “piani urbanistici a crescita zero di consumo di territorio e gestione dei rifiuti seria e corretta, in rapporto costante con in cittadini (il porta a porta per i rifiuti urbani) e il ricorso più residuale possibile alle discariche (e se questo accade per la parte non riciclabile siano gestite dal pubblico) e l’uscita dalla logica dell’incenerimento dei rifiuti”.