Quantcast
Cronaca

Confindustria, Calvini: “Ripresa difficile, al più presto la firma del Terzo Valico”

calvini confindustria genova

Genova. “Continuiamo a navigare in un mare in tempesta, con una visibilità davvero limitata”. Così Giovanni Calvini, Presidente di Confindustria Genova, a margine di una conferenza stampa di presentazione dell’indagine congiunturale relativa al consuntivo del 1/O semestre 2011 e alle previsioni per il 2/O semestre.

“I primi mesi dell’anno hanno dato discreti segnali di ripresa trasversalmente in diversi settori, che poi sono rallentati nei mesi di giugno e luglio”, spiega ancora Calvini. “Le previsioni per la seconda parte dell’anno, non solo a livello locale, ma anche a livello nazionale e internazionale, sono di raffreddamento del ciclo economico”.

Confindustria lancia segnali di preoccupazione. “Stanno venendo meno i mercati internazionali, che sono stati finora di grande aiuto per le nostre imprese”. Preoccupazione anche per l’aumento del prezzo del petrolio che “per l’Italia significa inflazione, flessione dei listini, compressione dei margini e ricadute sul costo dell’energia. Sono oscillazioni non facili da gestire e anche le previsioni non sono facili da fare sul futuro immediato”.

Per le prospettive, previsto un aumento del 6% degli ordini, 1,5% dell’export. 0% di crescita per l’occupazione. Qualche segnale positivo, a Genova e in Liguria, c’è. “Le aspettive per gli ordini sono discretamente positive: è un dato previsionale che ci auguriamo che nei prossimi mesi venga confermato. Hanno ripreso bene i traffici portuali, i flussi turistici, benchè la spesa a livello locale sia limitata, c’è qualche segnale positivo anche nella siderurgia”. Soffre invece la cantieristica: “Sono state consegnate le ultime navi e il ciclo dei riordini nel frattempo è rallentato, e questo sta creando un momento di basso in un settore che a Genova conta parecchio”.

E’ in questo quadro che Calvini auspica che la firma per il Terzo Valico arrivi al più presto, dopo lo stop di ieri, dovuto all’incendio nella stazione di Roma Tiburtina. “Ogni euro speso per il Terzo Valico durante i lavori ha un moltiplicatore di uno a due – continua il numero uno di Confindustria Genova. “Durante gli anni in cui il cantiere rimarrà aperto l’opera avrà ricadute importanti sulla nostra economia e sarà un grande volano di ripresa per il nostro territorio”.

Più informazioni